Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-05 s-01 s-02 103 94 peche-1973

Vutecanne ’nda ’mmunnezza

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Assunti’, Giggino addò sta?
Assuntina – Sta nel suo laboratorio.

SR – Laboratorio? E che si è messo a fare il tecnico?
As – Sient’ammé,  ’a pazzaria acchiappa a’ giuventù e a’ vicchiaia….. Mo’ s’è mise ’ngapa ’i fa ’u derective segreto.

SR – Il detective? E su cosa deve indagare?
As – Tu si’ forte! Si è segreto è segreto! Significa che nun se sape. O no? Sinno’ che segreto è?

SR – Sì, sì… ho capito tutto. Adesso lo vado a trovare.
As – Eehe, faie buone! Io nun voglie nisciuna risponzabilità.

(…)

Sang’ ’i Retunne – Uee Giggi’! Ma che stai facendo qua sotto il magazzino?
Giggino – Mi occupo della vostra sicurezza. E che te cride tu!

SR – Azz! ’Nu fatte serie overamente. E cosa fai esattamente?
Gg – Controllo ’i qualità ’ngopp’a mmunnezza!

SR – ’A munnezza?
Gg – Eccerto! In base a’ munnezza ie te sacci’a dice chi cazze si’. Tu, presempio, si ’nu cacasicche mai viste. Nun te sapeve accussì pedecchiuse!

SR – Ma perché, hai guardato pure ’nda munnezza mia?
Gg – Azz, no? È stata ’a primma a esse analizzata. Tu te mangi’a frutta cu’ tutt’i scorze e i semmiente, e consumme ’nu rot’l’ ’i cart’iggienica ogni tre settimane. Praticamente nun cache pe’ nun mangia’. Si’ ’nu tirchie ’i primma categoria. Mittete scuorne!

SR – Ma che razza di conclusioni sono queste?
Gg – A menocché nun t’appulizze ch’i cart’i ggiurnale. Che però, secondo me, è pure peggio!

SR – Incredibile a che punto siamo arrivati! Uno mo’ nunn’è manche chiù padrone ’i ghitta’ ’a munnezza? Uno deve aver paura pure di questo? Si è passati dall’intimidazione verbale a quella psicologica? Ma che mondo è questo!?
Gg – Ahé… Guarda cca’ chiste e che ghiette! …’Uarda ccàaa! Bell’arrobba!

SR – Addirittura ti porti i sacchetti interi dell’immondizia a casa?
Gg – E ciertamende! Che labboratorio scientifico fosse, sinnò? Ce vonne ’i prove per dicere cierti ccose… O no?

SR – E sentiamo cosa hai da dire sulla monnezza di questo? A me sembra tutto regolare.
Gg – E invece no! Uvvi’ ca nun capiscie niente? Chistu cca è ’nu malvivente pericoloso. Chiste va cacciato a cauce ’n culo. E’ chiaro?

SR – A sì? E perché mai?
Gg – Pecché!? …E chiste iette i retunne sane sane! È ’nu criminale!

SR – Comme sane sane? Giggi’, ma so’ sule cape!!
Gg – E che? …I cape se iettene, mo’?

SR – Scusa… e perché quell’altro sacchetto lo hai messo addirittura sull’armadio?
Gg – ’Uagliò… là ce sta rrobba che scotta assaie!

SR – Addirittura? Droga?
Gg – Peggio, assaie peggio.

SR – Mamma mia. E mo’ mi hai messo curiosità. Che ce sta?
Gg – Allora… ’uarda cca… tre cerògge arrubbate ’nda chiesa, ’nu biglietto d’u circo equestre ’i Cuneo, quattro mattunelle ’i ceramica cu’ scritt’ ’a storia ’i Pilato, vintiquatte butteglie vacante ’i rum, cientecinquanta bustine usate ’i cammumilla e trenta limune spremmute.

SR – Scusa, e perché questa schifezza sarebbe importante?
Gg – Uno che se mangie tutte ’sti limune e se piglie tutta ’sta cammumilla secondo te è normale? Chill’ è ’nu pazze sperdute ’ndu rum, che nu iuorn’ ’i chiste fa una botta! È pericoloso per sé e p’all’aute!

SR – E chi sarà mai ?
Gg – Ah, è ’nu mistero!! Pensave ch’u trovave subbete, ma chill’è furbo: ha abraso ’a matricula d’i butteglie vacante ’i rum. E mo’ va’ a ssape’ chi è? Mah!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.