Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-10 c-01 e-08 v2-9 v4-19a m2-8

Settembre

Condividi questo articolo

La Redazione

 

Un’amica di Ponzaracconta ci scrive dall’isola…
Manda foto di nuvole.

Una sola parola scandita: P I O V E

…e un link per ascoltare tutti insieme una canzone…

E’ anche nei nostri ricordi… Forse l’avevamo dimenticata?
Ma no, alcune canzoni sono come i fiori del deserto, si risvegliano alle prime piogge, anche dopo una grande siccità…

“Settembre”, di Alberto Fortis è la sesta traccia de La grande grotta, il suo terzo album, pubblicato nel 1981.

Ascolta qui da YouTube (testo a seguire)

.

.

Settembre

Ahi settembre mi dirai
quanti amori porterai
le vendemmie che farò,
ahi settembre tornerò.
Sono pronto e tocca a me,
l’aria fresca soffierà
l’armatura non l’avrò,
ahi settembre partirò.

Mentre il giorno sparisce
primavera verrà
sarà dolce e nervosa
ma non mi scapperà
salirò sul battello
e non la fuggirò
sarò avvolto per sempre
e la bacerò
e i suoi lunghi capelli
non li rivedrò più
ahi settembre lontano,
dalle un bacio per me.
La tempesta di neve
non mi sorprenderà
ahi settembre che sarà.

Lascio tutto a te,
dille del mio amore
dille che se può
io potrò aspettare
l’accompagnerò,
dentro il mio giardino
sempre la terrò’,
da vicino, sempre, sempre.

Ed un giorno mi disse
entra ti aspetterò
ma il nemico da sempre
si cattura così
apri bene la porta,
fallo entrare da te
lei l’ha fatto settembre,
lei l’ha fatto con me
e se nella tua testa
un rasoio terrà
taglierà i miei pensieri
come e quando vorrà
userà i suoi capelli,
io la pettinerò
e prima che sia settembre
il mio sangue darò.

lascio tutto a te… (ripete)

Condividi questo articolo

1 commento per Settembre

  • Sandro Vitiello

    Mi permetto di segnalare – sempre sul genere – anche “Impressioni di Settembre” della Premiata Forneria Marconi (su testo di Mogol).
    Un capolavoro del ’71; un classico fondamentale del rock progressivo italiano.

    Il link

    https://www.youtube.com/watch?v=ZqE1ZuqC6Sg

    Il testo

    Quante gocce di rugiada intorno a me
    Cerco il sole ma non c’è
    Dorme ancora la campagna, forse no
    è sveglia, mi guarda, non so

    Già l’odore della terra odor di grano
    Sale adagio verso me
    E la vita nel mio petto batte piano
    Respiro la nebbia, penso a te

    Quanto verde tutto intorno a ancor piú in là
    Sembra quasi un mare l’erba
    E leggero il mio pensiero vola e va
    Ho quasi paura che si perda

    Un cavallo tende il collo verso il prato
    Resta fermo come me
    Faccio un passo, lui mi vede, è già fuggito
    Respiro la nebbia, penso a te

    No, cosa sono adesso non lo so
    Sono un uomo, un uomo in cerca di se stesso
    No, cosa sono adesso non lo so
    Sono solo, solo il suono del mio passo

    Ma intanto il sole tra la nebbia filtra già
    Il giorno come sempre sarà

    Aria tersa d’un settembre che pare senza fine
    Aria già fredda, acqua già fredda
    Intorno irrepetibili colori, e silenzi

    E foglie cadute, e cadute
    E nubi bige a rimpiattino
    E il mio rabbrividire
    la giacca stretta al petto
    Un sapore di uva

    E dita attaccatticce, e il giorno
    Come vai bello
    Come sempre possente
    Come sempre

Devi essere collegato per poter inserire un commento.