Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a3-22a h-29 20 ss05-1 104 250px-uv-map

Atlantide dei sognatori

Condividi questo articolo

di Silveria Aroma

.

Mi passa accanto, indifferente. Labbro inferiore sporgente, sembra imbronciata.
Tento di avvicinarmi. Si allontana con fare disinvolto e rapido.
Nuoto distante. Allora torna. Sinuosa, argentea.

Non mi teme, questa occhiata che pare grande attraverso il vetro della maschera.
Compare una donzella sul fondo a far contrasto con i tanti guarracini che danzano appesi a fili trasparenti.
E’ pace qui.

Le rocce chiare – sommerse – disegnano antiche rovine e mura sopravvissute al passo del tempo. Atlantide dei sognatori.

Non c’è quasi mai nessuno.
Solo il mare canta. Verbo eterno.

Un granchietto fa capolino sopra la roccia spavaldo. Lo guardo, si nasconde.
Cuccù: ti vedo bene, risalti nella trasparenza e sul biancore.
I ricci neri seguono nel profondo il nero dei cormorani, placidi anch’essi.
Siamo solo in due, due senza branchie né ali, in silenzio.

Il mare.
Lo hanno delineato in versi, note, colori, racconti… in moltissimi.

Oggi lo penso qui, fra i versi di Montale presi da Mediterraneo, una sezione della raccolta Ossi di Seppia, composta da nove poesie fuse in un unico poemetto.

II

Antico (mare), sono ubriacato dalla voce

ch’esce dalle tue bocche quando si schiudono

come verdi campane e si ributtano

indietro e si disciolgono.

La casa delle mie estati lontane,

t’era accanto, lo sai,

là nel paese dove il sole cuoce

e annuvolano l’aria le zanzare.

Come allora oggi in tua presenza impietro,

mare, ma non più degno

mi credo del solenne ammonimento

del tuo respiro. Tu m’hai detto primo

che il piccino fermento

del mio cuore non era che un momento

del tuo; che mi era in fondo

la tua legge rischiosa: esser vasto e diverso

e insieme fisso:

e svuotarmi così d’ogni lordura

come tu fai che sbatti sulle sponde

tra sugheri alghe asterie

le inutili macerie del tuo abisso.

 

Nomi dialettali dei pesci nominati nel testo (da Wikipedia, a cura della Redazione)

’A iata – L’occhiata (Oblada melanura) è un pesce d’acqua salata appartenente alla famiglia degli Sparidi. È l’unica specie del genere Oblada;

’U guarracine – Chromis chromis, conosciuto comunemente come castagnola, è un pesce d’acqua salata appartenente alla famiglia Pomacentridae, di cui è l’unico rappresentante nel Mediterraneo.
 

Adulto (in alto) e livrea giovanile (sotto)

’U pintirré Coris julis, comunemente conosciuto come donzella, è un pesce appartenente alla famiglia Labridae.

Maschio e femmina (sotto)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.