Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-22 paolo-16 u-31 e-06 q-67 ss11-1

La gara delle bancarelle l’altra sera a Le Forna

Condividi questo articolo

di Paolo Iannuccelli

.

Pieno successo della gara della bancarella più bella sull’isola di Ponza, svoltasi sul piazzale della Chiesa a Le Forna.
Tanti i partecipanti, ben 23, in una cornice piacevole, spassosa e ricreativa. La giuria era composta da una coppia di turisti di Torino, scelti tra gli spettatori. L’intera serata è stata seguita in diretta da Web Radio Italy, sul palco la voce attraente di Maddy. La prima bancarella classificata è stata scelta per l’originalità della disposizione delle conchiglie, scelte con cura e competenza. La seconda classificata ha proposto tutti prodotti riciclati, con carta, fiori, vasi, plastica, oggetti per la casa. Al terzo posto una bio-bancarella tutta ponzese, una novità.

E’ bello e curioso vedere lungo la strada i bambini ponzesi preparare ogni estate le loro bancarelle minuscole e graziose per mettere gli euro nel salvadanaio o mangiare tutti insieme una pizza in allegria. Sono belle, particolari, tutte molto ben assortite, secondo una tradizione collaudata.

L’iniziativa della Associazione Cala Felci, con in testa la vulcanica Monia Sciarra, era rivolta ai bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni. È sempre intesa come gioco che tiene occupati i giovanissimi, facendo emergere le loro migliori qualità.

A conclusione della gara è avvenuta la rituale proclamazione dei primi tre classificati. La premiazione si è svolta durante la cerimonia finale e a tutti i partecipanti è stato consegnato un dono dagli organizzatori, molto soddisfatti della riuscita della kermesse ludica-ricreativa. Tutti i commercianti ponzesi hanno contribuito ai premi.
Tra le cose più belle di Ponza? La gara delle bagnarole, organizzata dalla Compagnia del Trinchetto di Cesare De Luca, e quella delle bancarelle dei bambini.
La Premiata ditta bagnarole&bancarelle ha fatto ancora una volta centro. Non avevamo dubbi.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.