Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-10 h-36 p-18-1di4 k1-17a 102 la-galite-ristorante-da-nicola

La poltrona del dialetto (24). ’Na poesia pe’ cumpagnia

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

E’ una compagnia insolita, quella che propongo. Non di stagione, perché non risponde a criteri climatici.
Non è appariscente, nemmeno protettiva e nemmeno consolatoria.
Dialoga soltanto con te. Quando ne senti la necessità.

’Na poesia pe’ cumpagnia

     Puorteme cu te,
stongo a nu lato
ind’u taschino sistemata.
     Nun dongo mpiccie,
     nun te preoccupa’.
  Si tiene bisogno ’i me…
  ammuolle ’a mano e me truove.
    ’U fuglietto è ammappeciato …
     arape, liegge e piglie ciato. 

     Staie suffrenno,
     stai sulo,
     te siente abbandunato,
     ’a vita te mette a prova,
     ’u cielo s’è scurato
     e minaccia ’i chiove.    

     So’ quatte parole, ’i meie,
     so’ penziere ’i niente,
     te sbareano ‘a capa,
     te fanno i’ c’ u viento.

     Si sapisse …
     pure ie ind’u taschino
     stongo sola e roseco.
     Arrepecchiata, scurdata
     aspetto
     c’a n’anema ’i cristo
     schieie ’u foglio
     e s’arrepiglia.
     Ie me sengo mpurtante
     pecché faccio chello pe cui so’ nata.  

     ’A poesia è gioia,
     è cuntentezza,
     nun ghienche ’a panza
     ma all’anema dà priezza
     comme a ’u cuorpo ’a brezza.

 

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.