Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 i-13 i-30 lamonica-02 ss13 113

La poltrona del dialetto (24). ’Na poesia pe’ cumpagnia

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

E’ una compagnia insolita, quella che propongo. Non di stagione, perché non risponde a criteri climatici.
Non è appariscente, nemmeno protettiva e nemmeno consolatoria.
Dialoga soltanto con te. Quando ne senti la necessità.

’Na poesia pe’ cumpagnia

     Puorteme cu te,
stongo a nu lato
ind’u taschino sistemata.
     Nun dongo mpiccie,
     nun te preoccupa’.
  Si tiene bisogno ’i me…
  ammuolle ’a mano e me truove.
    ’U fuglietto è ammappeciato …
     arape, liegge e piglie ciato. 

     Staie suffrenno,
     stai sulo,
     te siente abbandunato,
     ’a vita te mette a prova,
     ’u cielo s’è scurato
     e minaccia ’i chiove.    

     So’ quatte parole, ’i meie,
     so’ penziere ’i niente,
     te sbareano ‘a capa,
     te fanno i’ c’ u viento.

     Si sapisse …
     pure ie ind’u taschino
     stongo sola e roseco.
     Arrepecchiata, scurdata
     aspetto
     c’a n’anema ’i cristo
     schieie ’u foglio
     e s’arrepiglia.
     Ie me sengo mpurtante
     pecché faccio chello pe cui so’ nata.  

     ’A poesia è gioia,
     è cuntentezza,
     nun ghienche ’a panza
     ma all’anema dà priezza
     comme a ’u cuorpo ’a brezza.

 

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.