Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0049-049 h-23 u-05 27-07-2005 k2-30 92

Vacanze estive

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Tu ca saie quase tuttecose, secondo te ’u fucile ’i caccia m’u pozze purta’ a Freggene?
Sang’ ’i Retunne  – Aspetta ’nu mument’ e andiamo per ordine. Che devi andare a fare a Fregene?

Gg – Uggesù! Chist’è sceme! E che se po’ ghi’ a fa’ a Freggene? Vato in vacanza..! Vato a fare i bagni..!
SR – Ah ecco, tu ti parti da qua e vai a fare il bagno là! …Certo, è una scelta! E ’u fucile a cosa ti servirebbe?

Gg – Caro lei, io non mi separo mai dal mio cannoncino abraso. Nun se sa mai…
SR – Hai paura di qualche rapina?

Gg – No no, ma qua’ rapina! M’è succiess’ all’anne passate in Svizzera ca i merule me venevene ’ndi piedi e i marevizze s’appusavene ’ngapa a Assuntina.
SR – A sì? E allora?

Gg – Allora..? …si avesse tenuto ’u fucile… Azz! no?
SR – Ma guard’a chiste! Giggi’, nun se po’ ffa’, è fuorilegge, è illegale!

Gg – Madonna mia! …cu’ ’stu ‘fuorilegge’ ce l’avite fatte a fungetielle. E mo’ baste! State ’nu poco sereni! ’A guerra è fernuta!
SR – Sarà comme dice tu, ma ’u fucile non te lo puoi portare. Chiaro?

Gg – E vabbuo’! … Si ’u dice tu!
SR – Però consentimi una domanda!

Gg – Preche!
SR – Cu’ tantu mare che tenimme cca c’è bisogno di andare a Fregene a fare il bagno?

Gg – Là nisciune ci’accanosce e Assuntina se po’ mette ’u ’ndoplesse.
SR – Ah ecco. E permetti un’altra domanda?

Gg – Preche, preche!
SR – Qua si aspetta per tutto l’anno l’estate e tu che fai? Quando arriva te ne vai?!

Gg – E che vuo’ ’a me, ’a gente me dà fastidio, addevent’ nirvuso e m’appiccech’ una continuazione cu’ Assuntina.
SR – Ma a Fregene di gente ce n’è il doppio. Non credo che risolvi il problema. Spendi solo soldi inutilmente.

Gg – No no… ’u fatt’i chest’ i’ nu’ spenne propiete niente. E che so’ fess’io?
SR – A no? E come fai?

Gg – Songh’ ospito di un pezzo grosso.
SR – A sì?

Gg – Sì sì!
SR – Si può sapere chi è?

Gg – E’ ’u cuggino d’a mamma, d’u figlio d’u cumpare mio, che produce rum in Montenegro. Penza che pesa cientequaranta chile e fa ’u spilafogne a Freggene. Chiù gruosse ’i accussì!
SR – Embè?

Gg – Primme ’i giugno m’ha ditto: “Tu vedi da facce perde l’elezzioni che te sistemo io pe’ ’e feste: te faccio fa’ un ber bagno drento ’sta fogna, a te e a quella gran stronza de tu’ moje”.  Mo’ ce sta aspettanne!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.