Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0033-033 k2-14 k2-19 s-05 109a 8

La fine del mondo

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Ce sta ’a nun ce credere! È ’na cos’i pazze! ’Ncredibbile!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, di cosa ti meravigli tanto questa mattina? Ch’è succiesse mo’?

Gg – ’U sole s’è aizzate comm’e sempe, ’a luna è calata regolarmente, ’u viente s’è misse e pur’u mare sta llà! Azz! Pur’i pisce ce stanne! È tutte comm’e primma! Ma… Eppure..!
SR – Giggi’, mi fai paura: “eppure” che? Ma che tenev’a succede? Stavi aspettando la fine del mondo? Nun me fa mette appaura!

Gg – Uggesù! E certamente! Quann’une accide ’u Patatèrn’ cocc’cosa adda succede! O no? Invece peffine ’u vapore è arrivato..! E pure cariche cariche ’i frastiere. ’A nun ce crede!
SR – No, no… mo’ mi devi far capire tutto! Che cosa… avrebbe dovuto provocare questa ecatombe?

Gg – Io nun ne capisco ’i tombe e ’i trombe…
SR – Vabbuò vabbuò lasciamm’a sta. Volevo dire perché secondo te il sole questa mattina non doveva sorgere?

Gg – Allora propie nun vuo’ capi’? Hanno accise ’u Patatèrn’.
SR – Ma tu ovère dice? E quando? A me non risulta che il Pataterno si possa uccidere. A te chi te le dice queste cose?

Gg – A no? E secondo te pecché hanno cacciate a Pilato? Accussì ’u Patatèrno teneve cocche possibilità ’i chiù ’i se salva’!! E tu che te credive?
SR – Giggi’, Gigginooo! Non so più come devo dirtelo. Mannaggia a’ capa tosta che tiene! Il Pilato che dici tu non c’entra niente con quello della storia. Chiaro?

Gg – See see… saie sempe tutte cose tu, saie! Ma va, va!
SR – E poi… chi sarebbe questo Pataterno morto?

Gg – Isse! …’u Patatèrn’ sbarcato per salvarci, era Isse. E noi, popolo ’i cafùne ’gnurante, pezzienti, muort’i famme e senza orario estivo, nun l’avimme arricanusciuto e l’avimm’ acciso. Ci’avessema mette sule scuorne!
SR – Ignorante, pezzente e muort’i famme ci sarai tu e gli amici tuoi. Ma non ho capito che c’entra l’orario estivo.

Gg – Uggesù! Vuie site illegali e retrostati pecché state senza “orario legale”. Tenite i telorgie abbusive.
SR – Giggi’ l’ora legale non è quello che pensi tu: in questo caso la legalità non c’entra.

Gg – Sarrà! …Ma ricordati che non è finita!
SR – In che senso, scusa?

Gg – Avite accise ’u Patatèrn’? Ma chille sempe Patatern’ è!
SR – E allora?

Gg – Chille al terzo giorno risuscetarrà. E allora saranne cazze!
SR – Giggi’, è passato ’nu mese e nunn’è succiess’ niente!

Gg – Azz! …’nu mese!? Chillu cazz’ ’i prèvete nun’n’azzecca una iusta!

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.