Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0048-048 l-08 k2-23 scb 5 7

Depressione

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 .

Assuntina – Sient’a’mmé,  famme ’nu favore, vide a Giggine che ci’è venute. Chille sta assaie abbattute. Me pare depresso malamente.
Sang’ ’i Retunne – A sì? E che sarà mai successo? Dove sta?

As – Non lo so! Saccie i muorte suoie? Quando ce vene l’accedente nu l’accapische chiù! Mo’ è ’na semmana ca nun parla.
SR – Ma tu che ddice!?

As – Hè! Dorme, mangie, beve, iastemma e va abbasci’u  mare tutt’a iurnata …E cheste fa!
SR – Ma guarda tu questo! Mo’ lo vado a cercare. Sta’ sicura che ci penso io.

(Qualche ora dopo)

Sang’ ’i Retunne – Ueee Giggi’, che staie facenne cca?
Gg – Sarranne pure cazz’ d’i mieie! O no? Tu che dice?

SR – Certamente, ma visto che sei mio amico sono un po’ anche i miei.
Gg – Che vuo’?

SR – Vedo che guardi fisso l’orizzonte: aspetti qualcuno?
Gg – No! Penze!

SR – Azz! Pienze! …Tiene pure ’stu vizie? E a cosa pensi?
Gg – Che m’avite arriunate: site ’a chiaveca d’a ggente. Assuntina compresa: bella stronza che nun me vo’ mai sta’ a sèntere. Avite fatte propiete ’nu bellu ’uaie.

SR – Scusa, ma fammi capire perché ti abbiamo rovinato. Dove abbiamo sbagliato?
Gg – E m’addumande pure? Avite cacciate a Iss’! E mo’?

SR – E mo’ che?
Gg – E mo’ i’ che faccio?

SR – Scusa, ma tu che c’entri cu’ Isse?
Gg – Comme che c’entro? Io aspettavo ’na semmana sana sana ’u venerdì pe me ’mpegna’. E mo’? Mo’ a chi piglio pe’ culo? E quann’ passa, ’na vernata accusì?. So’ arrimasto pur’ io disoccupato. Che disgrazia! 

SR – Azz! E tu ti vuoi deprimere per questo? Ci sono questi nuovi: hai voglia tu. Ti puoi sbizzarrire. Giunta nuova, satira nuova…
Gg – Ma quante maieee! Chillillà sì ca facevano rirere, chisticcà nun sono capaci ’i far’ rirere. Nunn’è piett’alloro. Nun so’ capaci! So’ tropp’ serie. Songh’ arruinate! M’avite accise, m’avite..!

SR – Ma dai, che dici? Non è così.
Gg – M’attaccasse ’na duzzine ’i mattunelle ’i cazzatelle ’nganne, e me iettasse a mmare. È la fine.

SR – Giggi’, ma non dire sciocchezze, famm’u piacere. Devi avere solo un po’ di pazienza e tutto si aggiusta. Vedrai.
Gg – A sì? …e comme?

SR – Parlo con uno di loro per chiedergli se fanno qualche cazzata simpatica, così tu hai argomenti.
Gg – Ma che dici? Chella è ’n’arte: o ’a tiene o nunn’a tiene! Nun se po’ ’nventa’.

SR – Addirittura?
Gg – E ciertamente! Presempio, ’n’ata faccia comm’ e chellallà, addo’ ’a vaie a truva’? Dimme tu!?

SR – Non sapevo queste cose. Vedo che sei un esperto.
Gg – ’Uagliò ccà nisciune è fesso.

SR – A no? E tu che ti vuoi uccidere per queste cazzate… Nun si’ fesse?
Gg – ’Uaglio’,  i’ faccie ’u fesse, pe’ fa’ fesse a chi me crede fesse!

SR – Azz!
Gg – E mo’ vavatténne che me spavient’ ’i pisce ’a dint’ i coffe ’i quattecient’ àmbere..! Chest’è!

Condividi questo articolo

1 commento per Depressione

  • Luisa Guarino

    Lo stato d’animo di Giggino dopo la caduta dell’Amministrazione Vigorelli ricorda tanto lo smarrimento provato ed espresso da gran parte della stampa italiana alla fine del ventennio Berlusconi. “Di cosa parleremo da oggi in poi? – si sono chiesti all’epoca molti giornalisti -: uscite infelici e ridicole come le sue dove riusciremo più a trovarle?“.
    Ridimensionando la portata del cambiamento, parliamo di Ponza e di cinque anni, in cui il passatempo preferito dell’ex sindaco è stato quello di prendersela a ogni pie’ sospinto con il “cafone ponzese”.
    Anche dai banchi dell’opposizione sta dimostrando di non voler cambiare “passo”: commenta a modo suo e invia veline ai media. Comunicatore nel bene e nel male, nonché miglior ufficio stampa di se stesso, l’ex sindaco, stia pur sereno il nostro Giggino, non mancherà anche in futuro di fornire materiale per la rubrica “Venerdì pesce”. E chissà quanto gli brucia non potersi più fregiare del titolo di sindaco di quest’isola… di cafoni ponzesi.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.