Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-13 u-16 v3-12a scotti-a-bis m3-22a Astroides calycularis

Bisogna saper perdere

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Oramai tutto è compiuto, il futuro siamo noi. Chelle ch’è fatto è fatto.
Sang’ ’i Retunne  – A sì? Parli al plurale? Ma voi chi? Chi siete?

Gg – Uggesù! Noi, propiete nuie in persona e cioè, presempio, non voi. Il meglio del migliore assaie. Chiaro?
SR – Eee!! Altroché! Chiarissimo. E cosa si sarebbe compiuto?

Gg – Tutto è compiuto! Propiete tutto! Te l’aggie già ditt’: arape ’i recchie quann’ parl’ ie. Tutto, ma tutto tutto.
SR – Ah ecco! Sempre più chiaro.

Gg – Ha ditto ’u prevete nuoste, ’nda chiesa… ‘nosta’, che simme i primi e cca mo’ so’ cazze pe’ tutti gli altri. La vendetta sarà tremenda.
SR – A sì? Ha detto proprio così? Che so’ cazze per gli altri? Una predica colorita!

Gg – Uvvi’ quante si’ strunze? Tu he capito e mo’ faie ’u sceme!
SR – Giggi’, famm’accapi’ dove vuoi arrivare questa mattina. Ti barcameni tra metafore e allusioni.

Gg – Ma quali metà-anfore e cunvulsioni… chille ’u prevete è stato chiaro: “Gli ultimi saranno i primi”. Siamo gli ultimi? E perciò abbiamo vinto noi. Chest’è!
SR – Giggi’, ma è mai possibile che capisci sempre e solo quello che ti conviene a te?

Gg – Mo’ vulisse mette ’u dubbio pure ’ngopp’ ’u Pataterne? Famm’a capi’.
SR – Lascia sta ’u Pataterno addo’ sta! Qua siete voi che interpretate le cose come vi pare. Le parole del Vangelo non fanno riferimento a quello che dici tu.

Gg – Uvvi’ comme site illegali? Site ’na banda bassotti: manch’ ’u Vangelo arrispettate. Mettiteve scuorne..! Mariolini che non siete altro.
SR – Giggi’ tu he arraggiuna’. Secondo me il prete non si è espresso bene.

Gg – A no? Allora dipende d’u prevete? Chelle che accapisce ’u prevete nuost’ nun ve cunviene, è vero? E’ meglio ’u vuost’?
SR – Non è questione di convenienza, ma di realtà. Lascia sta prievete, santi e Pataterne. Giggi’… avite perze! Punto. ’U Vangelo non c’entra!

Gg – Si’ propie ’u vvuo’ sape’, io nunn’aggie perz’ propiete niente. I’ aggie venciute e bbasta!
SR – Giggi’, diciamo che la tua è stata una vittoria mancata. Consolati.

Gg – È ’i cca?
SR – Chi?

Gg – Vittoria Mancata.
SR – Giggi’, vittoria desiderata ma non avuta. Insomma Giggi’ non avete vinto! È inutile che fai il filosofo: avete perso e non volete accettarlo. Questo è!

Gg – Allora sai che ti dico? Io ho vinto, io vinco sempre, pure quando perdo: mammà m’u dice sempe… che riesco a purta’ a’ casa sempe coccoca. Pure mo’!
SR – A sì? E cosa?

Gg – Azz, cosa? I’ tengh’ ’na doppia maniglia. So’ cugino d’u frate d’u cugnate, d’a mamma d’u Pastore errante ’i 9 pecure. Chill’è putente assaie.
SR – E allora?

Gg – M’ha assicurato ’nu bigliètt’ solo andata p’a Svizzera zarrisa. Chiù ’i cheste!?

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.