Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0005-005 d-03 u-28 k2-25 96 Ritrovamento della parte muraria del vecchio porto romano

Il re è morto… Evviva il re!

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma addò cazze stive? È mai possibile che nei momenti cruciali sparisci dalla circolazione? Sei unico!
Giggino – Ma tu che vuo’ ’a me? I’ tengh’ a che ffa’ fa’, ’a staggione s’avvicina e nun tengh’ tiempe ’a perde appriesse a vuie. È chiaro?

SR –  Ma almeno hai votato?
Gg – È mai possibile che m’he dice sempe chelle ch’aggia fa’? Saccie’ie..! E bbasta! Assicuramente dummeneca farraggie ’u dovere mie…

SR – Domenica quando, Giggi’..? Qua si è votato la settimana scorsa!
Gg – Azz! E che! …avite fatt’ ’i votazzioni senz’i me? Cierte che site propiete scieme? ’Sti matte ’gnurante.

SR – Ma guard’a chiste! I scieme mo’ simme nuie? Incredibile!
Gg – Scusa ’na cosa… Ma… allora è state fatte pure ’u sinneco?

SR – E certamente! Secondo te, ce mettimme a perde tiempe? Ne abbiamo perso già abbastanza di tempo… Cinch’anne!
Gg – Ovère? Già ce sta ’u sinneco!? E chi è? Cap’i bomba o chill’ato?

SR – Uggesù, nemmeno questo sai? Ha vinto quell’altro.
Gg – E i’ ’u ssapeve! L’avév’ ditt’. Io non sbaglio mai.

SR – No Giggi’ eh! Nunn’accummenciamme a ’mbruglia’ ’a grammatica, mo’. Tu eri a favore di Isso, ’i Cap’i bomba, e dicevi che avrebbe vinto alla grande! Anzi, facevi pure progetti vendicativi…. Al solito tuo.
Gg – Chi io? Ma quanne mai! So’ calunnie. Io nego. I’ nun ce steve, e si ce steve, durmeve! Trova i testimoni. Si’ tu ’u votabannera abusivista d’i mattunelle cazzare e pure ’mbriacone e buciarde.

SR – E mo’ accussì va a furni’. I pisce sott e all’aleghe ’ncoppe.
Gg – Sai che ti dico? Mo’ ce vangh’ a fa’ i complimenti. Il mio voto è stato fondamentale per la sua elezione.

SR – Pure? Ma daaii Giggi’, ’na vota tanto fa ’a perzona seria! Se non ci sei andato neanche a votare!
Gg – È pirciò che è stato fondamendale! …Ch’he capi’ tu ’i politica?! La mia è stata una ritirata strateggica.

SR – Non ci posso pensare di cosa sei capace. Dicevi che Isso era un re e come tale bisognava rispettarlo e votarlo. E mo’? Che fine ha fatto il tuo re?
Gg – E mo’… e mo’! Ma tu a chi vuo’ accide? …Muort’ ’nu rre se ne fa n’ate!

SR – Giggi’, si dice “morto un papa se ne fa un altro”.
Gg – N’accummenciamme a purta’ seccia… Chill’ ’u pape sta buone. È ’u prevete che sta accussì accussì.

SR – Sì, però questo qua di adesso non è un re, è un sindaco a tutti gli effetti. Che sia chiaro!
Gg – E allora l’avimma fa’ re. A me me serve ’nu rre. Senza re nun ce saccie sta!

SR – E vattille a cerca’ ’a ’n’ata parte il tuo re. Qua non c’è posto né per i re, né per gli sceriffi. È chiaro?
Gg – Ueee! Statte calmo! He capite? Che sinò faccie chelle che facette Putrusine.

SR – A sì? E che facette? Sentimme!
Gg – Iette a chiamma’ Cap’i bomba ’ndu bosco d’i limune. Chille ’u meschine se steve facenne ’n’indiggestione!

Immagine di copertina. Carmela Saedtler. Natura morta con limoni

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.