Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-01 u-07 102 la-galite-2009 paesino-2 La tana dei re di triglie

Il re è morto… Evviva il re!

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma addò cazze stive? È mai possibile che nei momenti cruciali sparisci dalla circolazione? Sei unico!
Giggino – Ma tu che vuo’ ’a me? I’ tengh’ a che ffa’ fa’, ’a staggione s’avvicina e nun tengh’ tiempe ’a perde appriesse a vuie. È chiaro?

SR –  Ma almeno hai votato?
Gg – È mai possibile che m’he dice sempe chelle ch’aggia fa’? Saccie’ie..! E bbasta! Assicuramente dummeneca farraggie ’u dovere mie…

SR – Domenica quando, Giggi’..? Qua si è votato la settimana scorsa!
Gg – Azz! E che! …avite fatt’ ’i votazzioni senz’i me? Cierte che site propiete scieme? ’Sti matte ’gnurante.

SR – Ma guard’a chiste! I scieme mo’ simme nuie? Incredibile!
Gg – Scusa ’na cosa… Ma… allora è state fatte pure ’u sinneco?

SR – E certamente! Secondo te, ce mettimme a perde tiempe? Ne abbiamo perso già abbastanza di tempo… Cinch’anne!
Gg – Ovère? Già ce sta ’u sinneco!? E chi è? Cap’i bomba o chill’ato?

SR – Uggesù, nemmeno questo sai? Ha vinto quell’altro.
Gg – E i’ ’u ssapeve! L’avév’ ditt’. Io non sbaglio mai.

SR – No Giggi’ eh! Nunn’accummenciamme a ’mbruglia’ ’a grammatica, mo’. Tu eri a favore di Isso, ’i Cap’i bomba, e dicevi che avrebbe vinto alla grande! Anzi, facevi pure progetti vendicativi…. Al solito tuo.
Gg – Chi io? Ma quanne mai! So’ calunnie. Io nego. I’ nun ce steve, e si ce steve, durmeve! Trova i testimoni. Si’ tu ’u votabannera abusivista d’i mattunelle cazzare e pure ’mbriacone e buciarde.

SR – E mo’ accussì va a furni’. I pisce sott e all’aleghe ’ncoppe.
Gg – Sai che ti dico? Mo’ ce vangh’ a fa’ i complimenti. Il mio voto è stato fondamentale per la sua elezione.

SR – Pure? Ma daaii Giggi’, ’na vota tanto fa ’a perzona seria! Se non ci sei andato neanche a votare!
Gg – È pirciò che è stato fondamendale! …Ch’he capi’ tu ’i politica?! La mia è stata una ritirata strateggica.

SR – Non ci posso pensare di cosa sei capace. Dicevi che Isso era un re e come tale bisognava rispettarlo e votarlo. E mo’? Che fine ha fatto il tuo re?
Gg – E mo’… e mo’! Ma tu a chi vuo’ accide? …Muort’ ’nu rre se ne fa n’ate!

SR – Giggi’, si dice “morto un papa se ne fa un altro”.
Gg – N’accummenciamme a purta’ seccia… Chill’ ’u pape sta buone. È ’u prevete che sta accussì accussì.

SR – Sì, però questo qua di adesso non è un re, è un sindaco a tutti gli effetti. Che sia chiaro!
Gg – E allora l’avimma fa’ re. A me me serve ’nu rre. Senza re nun ce saccie sta!

SR – E vattille a cerca’ ’a ’n’ata parte il tuo re. Qua non c’è posto né per i re, né per gli sceriffi. È chiaro?
Gg – Ueee! Statte calmo! He capite? Che sinò faccie chelle che facette Putrusine.

SR – A sì? E che facette? Sentimme!
Gg – Iette a chiamma’ Cap’i bomba ’ndu bosco d’i limune. Chille ’u meschine se steve facenne ’n’indiggestione!

Immagine di copertina. Carmela Saedtler. Natura morta con limoni

Devi essere collegato per poter inserire un commento.