Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c-01 bp t6-25 f-ab corrida8 giovanni-darco-1973

L’ultima spiaggia

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Come si farà… comme se farrà..! Mamma mia è ’na grande disgrazzia! E’ la fine!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’,  ma che è successo? E’ morto qualcuno?

Gg – Nooo, macché! Peggio, peggio….’na disgrazia ’rossa assaie. È comme ’a fine d’u munne!
SR – O mamma mia!! Non ho sentito il telegiornale. È scoppiata ’na guerra?

Gg – ’Uaglio’, cca non ci sarrà cchiù ’a luce d’u sole, i galline nun farranne chiù all’ove e ’a cielo cadarranne sule lamp’ e fulmini senza ’na goccia d’acqua. ’Nu maciello! Mo’ sì che so’ cazze!
SR – Come una apocalisse!? Giggi’, oggi me pari ’nu filosofo!

Gg – Tu pazzìe? …e pazzeie! C’è chi dice che quando avverrà la tragedia, ’u sole se fermarrà ’n’cielo a mizziuorne e ’a dummeneca sarrà cancellata. I pisce vularranno e all’aucielle s’affugarranno a mmare. ’U munno cagnarrà! Niente sarrà cchiù cumm’e primma!
SR – Giggi’, tu stai troppo agitato; datti una calmata e cerca di spiegarmi il motivo della tua disperazione. Che succede?

Gg – Allora… ’nda piazza hanno ditt’accussì che chisti maleditte fauzune traditure tènene doie facce e vonne caccia’ a Iss’. Dopo tutte chelle ch’ha fatto pe’ ce fa’ i’ ’i cuorpe?  Bella riconoscenza. Razza ’i cafune ’ngrati!
SR –  Mo’ tu mi devi far capire una cosa: oggi sei a favore, è giusto? Ma ieri eri contro! Giggi’, una volta tanto, dimmi la verità: sei a favore o sei contro a Iss’?

Gg –  Tutte e doie ’i cose! …E che so’ fesse?
SR – Ma guard’a chisto!! E allora di cosa ti disperi?

Gg – Uggesù, chist’è propiete sceme! Uno di quelli che appoggio perde e i’ che faccio? Resto indifferente?
SR – Secondo me tu non hai un’idea chiara di come funziona la democrazia. Ti stai facendo prendere la mano e la testa da chi ti racconta sulo cazzate.

Gg – E te pare ’na cazzata che ccà so’ tutte scieme?
SR – A sì? E menomale!

Gg – Chistu scoglie è fatt’ p’i perzone intelligenti e ’struite, no p’i scieme malate ’i gnurantità cumm’e tte!
SR – A ecco! Tu non c’entri.

Gg – I’ no! Perciò me ne teng’a scappa’ primm’i mo’!
SR – E vaie va’… a chi vuo’ accide!

Gg – ’Uaglio’, a vuo’ capi’ sì o no? Cca se sta mettenne male e ce cunviene ’i ce truva’ ’nu rifuggio sicuro.
SR – Parla per te. Io qua mi sento al sicuro. E fra un po’ starò ancora meglio!

Gg – No no… Ca stamm’ tutti in pericolo..! pure tu. E che te cride? Si Iss’ perde ce acchiudeno a tuttu quante, comme ’nda ’nu serraglie.
SR – Non credo proprio. E se vince?

Gg – Aah, si vence… Si vence, Iss’ ce porta ’nda ’na marina bellissima addò ’a rena è d’oro, d’i funtane esce rum, i porti galleggiano sopra le nuvole, ’i cazzate vanno al chilo, i bus vanno a rimme, gli orologi della piazza non solo suonano, ma cantano pure, e ’a cunfessione a ’u prevete si fa col cellulare. Cca hanno arrimane’ sule i scieme irriconoscenti.
SR – A sì? E dove starebbe quest’ultima spiaggia meravigliosa?

Gg – Uggesù, sarraie l’unico cca ca nunn’u sape: marina di Centocelle in Montenegro, ’nda Svizzera ’i Chiailuna, dove si depositano i sogni…

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.