Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0007-007 f8-19a ambrosino-06 Foto di gruppo ss13 Prateria di Posidonia oceanica

“A malapena si vede l’isola di Ponza”, romanzo di Gabriella Nardacci

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

 

Il viaggio dentro di se’ comincia quando ci si ferma.
Si guarderà ai luoghi della nostra storia
e d’improvviso scopriremo paesi straordinari.
[Gabriella Nardacci]

È in uscita la più recente fatica letteraria di Gabriella Nardacci, da diversi anni collaboratrice di questo sito.

Ricordiamo che i primi capitoli del romanzo sono stati pubblicati proprio su Ponzaracconta.
Ci piace pensare che di importanza non trascurabile – nella genesi di una creatura complessa come un romanzo, che si definisce ‘in corso d’opera’ per la concomitanza di diversi fattori – sia stata anche l’interazione con i redattori del sito e i lettori dei quei primi capitoli, anche se poi in seguito largamente rimaneggiati.

Riportiamo qui di seguito le note presenti sulla copertina del libro dorso interno e risvolti), appena pubblicato presso le Edizioni “Oceano nell’anima”

A malapena si vede l’isola di Ponza è la storia di un segreto che tocca il cuore e la vita di quattro personaggi principali: Cristina, la protagonista, narra in prima persona le vicende della sua “vita normale” e lo fa seguendo le tracce del romanzo di formazione classico in cui la narrazione si risolve sempre con una catarsi dei personaggi.
La dicotomia tra l’amore egocentrico, impossibile e tormentato con Giuseppe e quello presente, affettuoso e onesto con Giuliano; la relazione prima simbiotica e poi matura tra madre e figlia; la fuga dalla campagna alla città di chi vuole evolversi e trovare se stesso al di fuori della mentalità paesana.
Quattro personaggi che condividono un segreto che segnerà la loro vita per sempre. È la storia di una donna e della sua emancipazione. Emancipazione da se stessa e da tutto ciò che nel corso della vita le si manifesta come conflitto insuperabile.

ICARO COLLANA EDITORIALE Euro 15,00 Codice ISBN: 978-88-94886-07-8

L’autrice
Gabriella Nardacci è nata a Maenza nel 1954. Insegnante attualmente in pensione. Sin dalla prima adolescenza ha manifestato grande interesse per la lettura e la poesia leggendo e scrivendo per giornalini scolastici e locali. Nei suoi quarantadue anni di lavoro, ha cercato di avvicinare i bambini a questa sua passione ottenendo grande interesse e creando con loro giornalini di classe e quaderni auto pubblicati dove gli alunni si raccontano e raccontano fatti, storia e storie di fantasia; dove esprimono la loro creatività con le poesie e dove ci fanno conoscere la loro visione del mondo e della vita attraverso conversazioni prima registrate e poi trascritte. Ha ottenuto riconoscimenti in concorsi internazionali e nazionali con menzioni di merito e premi speciali per la poesia. Le sue liriche sono presenti in diverse antologie letterarie. Alcuni racconti, risultati primi in classifica, sono stati pubblicati sia in e-book che in antologie (“Una Storia Magica” con il racconto “Mia madre ed io” – ed. Spearling-Krufen; “Cibartesia” ed. Akkuaria con il racconto “C’era una volta e potrebbe esserci ancora”). Ha pubblicato una silloge di poesie dal titolo “Parole scalze” (ediz. Artegraf). Collabora come autrice, periodicamente, sul sito Ponzaracconta.it, con articoli di attualità, poesia, letteratura, folclore, usi e costumi di paesi e città.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.