- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

L’albero della libertà. 11. La corresponsabilità

di Francesco De Luca
[1]

 

Zì Ntunino racconta. Due o tre anni fa mi chiamò Ninotto: “Ntunì vuò venì cu me a mare?”

“E pecché no” risposi.

Barca a remi, na purparella, doie lenze, nu mazzariello… e arreviamo sotto’a Muntagnella.
“Guarda a funno Ntunì, ce hadda sta’ nu pedagno ”.
“E che mantène?”
– chiesi io.
“Mantène ’a nassa ’i Mezzabotta”.
“E ch’hamma fa’ nuie?”

“Vedimmo ch’ha piscato!” – decette Ninotto.
’U signale steve a mezz’acqua, ‘u pigliaieme e teraime ncoppa”.

Cosa c’era? Ce steveno aiate, sarpe, quacche scuncillo. Avremmo dovuto rigettarla in acqua ma Ninotto – tu lo sai come è prepotente – l’aprì, prese tutto e fece scivolare la nassa fuori bordo. Come se nulla fosse successo.

Io? Io non feci nulla. Quello fu un furto bello e buono. Ninotto sarà, anzi no, è un prepotente, e non ci sono scuse, ma nemmeno io ho scuse.

Tu dici che fui corresponsabile di una cattiva azione.
Nuie damme ’a colpa sempe a n’ate e ce scurdamme ca pure nuie aiutamme i prepotiente a commette cattive azioni. Facimmo finta ’i nun vedé, ’i nun sentì, facimmo finta ca nuie èremo ’i passagge. E invece… mantenimme ’u sacco apierto, mentre n’ate ’u ienche”.

Zì Ntunino mogio mogio continua: “ti ho chiamato per farti capire come la corresponsabilità non sia una barzelletta. Pare una scemenza ma è una cosa seria”.

Perché ha voluto darmi questa lezione non l’ho afferrato subito ma Ntunino coltiva l’albero della libertà. Non devo commettere la leggerezza di dimenticarlo.

[2]