Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-35 l-06 t6-24 92 foto-antiche-1-1 corrida19

L’albero della libertà. 11. La corresponsabilità

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Zì Ntunino racconta. Due o tre anni fa mi chiamò Ninotto: “Ntunì vuò venì cu me a mare?”

“E pecché no” risposi.

Barca a remi, na purparella, doie lenze, nu mazzariello… e arreviamo sotto’a Muntagnella.
“Guarda a funno Ntunì, ce hadda sta’ nu pedagno ”.
“E che mantène?”
– chiesi io.
“Mantène ’a nassa ’i Mezzabotta”.
“E ch’hamma fa’ nuie?”

“Vedimmo ch’ha piscato!” – decette Ninotto.
’U signale steve a mezz’acqua, ‘u pigliaieme e teraime ncoppa”.

Cosa c’era? Ce steveno aiate, sarpe, quacche scuncillo. Avremmo dovuto rigettarla in acqua ma Ninotto – tu lo sai come è prepotente – l’aprì, prese tutto e fece scivolare la nassa fuori bordo. Come se nulla fosse successo.

Io? Io non feci nulla. Quello fu un furto bello e buono. Ninotto sarà, anzi no, è un prepotente, e non ci sono scuse, ma nemmeno io ho scuse.

Tu dici che fui corresponsabile di una cattiva azione.
Nuie damme ’a colpa sempe a n’ate e ce scurdamme ca pure nuie aiutamme i prepotiente a commette cattive azioni. Facimmo finta ’i nun vedé, ’i nun sentì, facimmo finta ca nuie èremo ’i passagge. E invece… mantenimme ’u sacco apierto, mentre n’ate ’u ienche”.

Zì Ntunino mogio mogio continua: “ti ho chiamato per farti capire come la corresponsabilità non sia una barzelletta. Pare una scemenza ma è una cosa seria”.

Perché ha voluto darmi questa lezione non l’ho afferrato subito ma Ntunino coltiva l’albero della libertà. Non devo commettere la leggerezza di dimenticarlo.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.