Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-08 vdp-01 k2-25 pg carta-didentita-02 s-_silverio_febbraio_1961

Ultimo tango a Frontone

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ma ch’è fatto? Tiene ’na faccia strauliata?
Giggino – Lascieme sta’, so’ distrutto. ‘N’esperienza che nun s’augura a nisciuno.

SR – A sì? Hai subito un furto? Scummette che t’hanne arrubbato ’n’ata vota l’Apecar!
Gg – Macché, macché, magari! Assaie peggio ancora. ’I cchiù!

SR – E io lo sapevo che ti saresti cacciato in qualche guaio. Mo’ che hai combinato?
Gg – Allora… M’hanno ’nvitato a ’na festa pe’ festeggia’ “’a terza lista”.

SR – Uggesù! Ma chelle ’i liste nun so’ doie!?
Gg – See see… te pare a te! So’ tre!

SR – Giggi’ le liste sono due. L’ho letto pure sui giornali.
Gg – E mo’ che n’hanna sape’ i giurnale. Accà i liste so’ tre. Punto.

SR – E fammi accapi’, come si chiamerebbe sta terza lista.
Gg – Nun se chiamma! Nun tene nomme. Ce sta e basta.

SR – Ma chiste è sceme! E uno comme fa a votarla?
Gg – Nun se vota. Dipende sultanto ’a chi vence!

SR – Siente Giggi’… parla chiaro che non ci sto capendo niente.
Gg – E nunn’è colpa toia ’u frate… Allora t’aggia spiega’ tutt’a cape: ognuno vota chi le pare, ma po’ chi vence è chillo che uno dice ch’ha vutato. La nostra è una lista che vince sempre.

SR–  Bell’arrobba! ’I che schifezza. Opportunismo voltabandiera!
Gg – Eeeh! È ’na malatìa? Ammesca?

SR – Lasciamm’a sta. E allora poi l’avete fatta questa festa?
Gg – Comme no! A Frendone, ’i tre ’a matina.

SR – A sì? E chi ci stava?
Gg – Nu sacch’i ggente. Nun se capeve niente. Mascule-femmene e femmene-mascule, cane-iatte e iatte-cane, prevete-diavule e diavole-prevete, zarrise-sareghe e sareghe-zarrise, paricchie retunne e pure cocche ianara… Musica, panini, birra e cucuzzielle a’ ’nzalata! ’Nu casino mai visto.

SR – Una grande convention!
Gg – No, nu  me pare che ce stevene i ’mericane.

SR – Lasciamm’a sta! E allora? Che è successo?
Gg – A ’nu certu punt’, ’ndu scuro, aggie pigliato a balla’ ’na bionda provocante, cu’ doie zizze tante.

SR – A sì?
Gg – Ma mentre abballaveme ’nu tango a stritte a stritte, s’è luvate ’a parrucca… Era ’nu mascule!

SR – Aaazz! …però visto l’ambiente, c’era da aspettarselo! E allora?
Gg – Allora è asciùte uno tutte pelate, c’alluocchie ’i pazze e ’nu sicarie ’mmocca e m’ha struppiate ’i mazzate!

SR – Uh mato’! E pecché?
Gg – M’ha ditto: “Ueeee, brutto cafone, t’ho beccato a fa’ er furbo eh?! E mo’ tie’… Questo è pe’ i copertoni, questo è pe’ ’e gondole, questo è pe’ i pontili, questo è pe’ ’a favola der porto, questo è pe’ er parcheggio de’ pedoni, questo è pe’ l’acqua rapina, questo è pe’ i semafori spenti, questo è pe’ ’e cazzatelle su le mattonelle, questo è…” E m’ha ’nfelate ’nu ’mbrellone ’a’rète.

SR – E tu?
Gg – Ci aggie ditte: “Ahi, me faie male”. E Isse: “Niente da fare, da dietro non si torna”.  

Una vignetta di Altan

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.