Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-13 i-20 p-18-4di4 v4-8 60 sl372211

Presentazione della lista civica “La casa dei ponzesi”

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

 

Quello appena trascorso è stato un week end impegnativo per i candidati della lista “La casa dei ponzesi” con Franco Ferraiuolo sindaco.
Sabato pomeriggio presso il ristorante “Angelino” a Calacaparra e domenica al Porto, nella saletta parrocchiale, ci sono state le prime uscite ufficiali della lista di Ferraiuolo, che il prossimo 11 giugno contenderà al Sindaco uscente Vigorelli, l’amministrazione della nostra isola per i prossimi anni.

Ferraiolo è conosciutissimo da tutti i ponzesi, per essere stato già sindaco, nonché consigliere provinciale oltre che insegnante e preside. Non altrettanto i 12 componenti la lista, almeno nella attuale veste di candidati consiglieri comunali; infatti solo tre di loro hanno fatto parte di precedenti amministrazioni.
Il copione della presentazione è stato quasi identico per entrambe le uscite.

Alla più giovane della compagine, Martina Carannante, è stata affidata sia l’introduzione che la chiusura dei due incontri.
Sabato pomeriggio a Le Forna, in una sala gremita di persone di ogni età, la poco più che ventenne Martina, da sola dietro al tavolo della presidenza, microfono in mano e per niente intimorita dalla situazione, ha iniziato dicendo: Ponza riparte da qui, da dove tutto è iniziato 5 anni fa (*)… Ponza e i ponzesi hanno diritto al loro futuro, ancor più questa parte dell’isola che da sempre è la più svantaggiata…


Poche parole piene di significato, per poi passare il microfono a Ferraiuolo.
Il quale ha prima brevemente accennato ai fattori che hanno portato alla sua candidatura a primo cittadino, per poi sottolineare con forza la totale autonomia della sua lista da qualsiasi interesse di parte.

Spesso nelle parole di Ferraiuolo, come di altri componenti la sua lista, è stato evidenziato l’orgoglio di essere ponzesi; come pure la rivendicazione del rispetto a tutti dovuto ma che negli ultimi anni è stato calpestato. Il programma è stato esposto dal candidato sindaco solo per sommi capi, rinviando ad ulteriori incontri per gli approfondimenti.

Ferraiulo ha poi chiamato al tavolo, in ordine crescente di età, i componenti la sua lista. Ognuno ha accennato ai motivi che l’hanno portato a farne parte, evidenziando in questo modo degli aspetti dell’amministrazione uscente ritenuti negativi.
È stato anche spiegato il motivo per cui si è ritenuto di non far presentare da subito tutti i componenti la lista schierati dietro al grande tavolo. Simbolicamente, è stato, grazie ad un lungo e laborioso lavoro di sintesi, che alcuni ponzesi sono passati da spettatori a possibili interpreti del domani dell’isola.  Chiarendo in tal modo anche il significato del nome e del simbolo della lista.

La partecipazione del pubblico in termini numerici è stata pressoché identica per entrambi gli incontri, ma parecchio diversa nella composizione. Al porto si sono visti molti giovani, alle Forna un po’ meno, ma qui è apparsa più sentita la partecipazione dei presenti. Tanti gli applausi,  in entrambi i casi.
Si sono viste tante persone trattenersi a chiacchierare anche ben oltre il termine degli incontri.

 

(*) In quella stessa sede di Calacaparra nel 2012 fu decisa la candidatura di Vigorelli a capolista

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.