Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-30 i-31 isi-04 k1-13a v4-10a 14-1

Coltivo una rosa bianca

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Propongo una novità: la pagina letta. Scritta, detta e ascoltata:

 

Dal poeta cubano José Martì:

Coltivo una rosa bianca
in luglio come in gennaio,
per l’amico sincero
che mi dà la sua mano franca.
Per chi mi vuol male e mi stanca
questo cuore con cui vivo
cardi e ortiche coltivo.
Coltivo una rosa bianca.

 

Non è tempo di poesia ? Voi dite che è inopportuno ?

Così però la quotidianità la lasciamo a dilaniarci. E la realtà predominerà sull’anelito a vedere come la mondanità si corrode. La poesia è il vento dell’animo.
Lo sappiamo bene noi isolani.

Il mare rosica intorno agli scogli. Senza lena. Con circospezione.
Ma lui sa lasciare la rabbia, e sa addolcirsi poi nell’abbraccio. Si quieta nella spiaggia e si indigna contro lo scoglio.
Noi no. Troppo corrivi, troppo stupidi per abbandonare il rancore e darsi alla comprensione, e poi, di nuovo, alla maschia indignazione, e poi ancora sdilinquire nel sorriso.

La vita è come il mare ?
No, dal mare dovremmo trarre esempio per la conduzione della nostra vita. Andare e tornare, lambire e mordere.
Frignare in inverno e godere a maggio quando nel giardino spicca una rosa bianca.

La coltivo.

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.