Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-22_19-28-47 a4-r paolo-16 c2-19 5 Spugne blu

’U rre d’i sangh’i retunne

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – E’ inutile che dito e che fato, accà non c’è stato mai nisciuno più meglio di isso. E’ chiaro?
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, si dice “meglio”, senza più.

Gg – Uvvì? Sei di parte e basta! Mo’ pecché nun te sta simpatico che t’ha chiammato cafone bastardo, gli levi il “più”. Nun sta bene, nun sta bene. Nun ce sta nient’a fa’, sei uno sporco rosso Verde! Chest’è!
SR – Giggi’, lasciamm’a sta, ’a grammatica nunn’è cosa toia. In ogni caso perché costui sarebbe così “meglio”?

Gg – E c’è bisogno che te lo dico? Ma ti rendi conto che grande lavoro di civilizzazione ha fatto chist’omme? Iust’ cocche cafone irriducibile cumm’e te è rimasto tale e quale. Il resto è tutto coperto e allineato al nuovo corso. È tutta ’na civilamentazione.
SR – A sì?

Gg – Nun ce cride?
SR – No!

Gg – A no? E ’sti quannte zambere cafune che nun sapevano manch’ ’a differenza tra ’na butteglia ’i vine fauze e ’na butteglie ’i rum svizzero… addò ‘i mitte?
SR – Addò ’i mette? Dint’u cesse?

Gg – A proposito! E i cessi addò ’i mitte?
SR – Essì, addò?

Gg – Abbasci’a marina! Tu fatti il conto: 300 cristiane che pesciano a mare miezzu litro appedone, quanto fa?
SR – 150 litri.

Gg – Uvvì? Sule isse ce puteve penza’! Operazione “mare pulito cesso sporco”. Grande dei grandi: l’inventore del cesso marino.
SR – Incredibile!

Gg – Ma ti rendi conto che amore e considerazione tène pure per te che manch’u salute? Per non farti fa’ male ha chiuso tutt’i spiagge? Chi ate l’avesse fatte?
SR – Giusto, chi altro?

Gg – E po’, i grandi cafoni, chille ca distùrbene i turisti e songh’ ’na vergogna sule a guardarli, addò l’ha mise?
SR – È vero! Dove li ha messi?

Gg – Ci ha luvàt’ ’a fatica e mo’ stanne tutt’i ccase alloro a ’uarda’ ’a televisione. Accussì consumano ’a currente  e nun fanno chiù danno. Che grande genio! Chi l’avesse mai penzata ’na soluzione ’i chesta manera?
SR – Essì, chi?

Gg – E po’, vuo’ mette che quanne parla t’encanta, cu’ tutte chilli parole strevese che ddice. Che meraviglia!
SR – Giggi’, parole strevese? Ma perché, non lo capisci quando parla?

Gg – I’ no, ma chi adda capi’ capisce, può sta’ assicuro!
SR – Che tragedia!

Gg – E quanne cammina p’a via? È cumm’e ’nu rre. Che te ne faie ’i ’sti quatte ’nzevùse d’u puorto e ’i Calecaparra!?
SR – A sì?

Gg – Tu penza che quande cammine p’a via tene ’a faccia ’i chelle che è! …E all’ate addò s’appresentene? Addò!?  Nun ce sta paragone ch’a faccia soia. È propiete ’na faccia ’i razz… superiore. ’A faccia d’u rre d’i sangh’i retunne.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.