Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-19 paolo-01 u-22 k2-19 ss27 L'approdo romano presso Cala Inferno

Maggio

di Silverio Lamonica

.

Maggio è considerato il mese dell’entusiasmo, della gioia, dell’allegria: aria mite, fiori che sbocciano, usignoli che cantano, tortore che tubano, bimbi che si rincorrono…; è tutta una festa. Eppure l’atmosfera festosa di maggio talvolta incupisce, proprio perché la felicità, nell’essere umano, è un sentimento “intimo” che scaturisce dallo stato d’animo, piuttosto che dall’atmosfera gaia che circonda ciascuno di noi. Anzi quando si è preoccupati o peggio, angosciati, l’allegria che ci circonda ci incupisce ancora di più.

E la conferma di quanto ho appena scritto, ci viene da due poeti di diversa nazionalità e quasi contemporanei tra loro: la statunitense Sara Teasdale (1884 – 1933) Premio Pulitzer 1919 e l’italiano Giosuè Carducci (1835 – 1907) Premio Nobel per la letteratura 1906.

Però è molto difficile esprimere coi versi questo contrasto di sentimenti.

Leggiamo le loro poesie su maggio:

May

The wind is tossing the lilacs

The new leaves laugh in the sun,

And the petals fall on the orchard wall,

But for me the spring is done.

Beneath the apple blossoms

I go a wintry way,

For love that smiled in April

Is false to me in May.

(by Sara Teasdale)

Maggio

Agita il vento i lillà

ridono le foglioline nel sole,

e sul muro del frutteto cadono i petali.

Ma per me la primavera è finita.

Sotto i fiori del melo

lungo il sentiero invernale io vado,

perché amor che in aprile sorrise

in maggio m’illude.

(traduzione di S. Lamonica)

Meli in fiore di Camille Pissarro

***

Maggiolata

Maggio risveglia i nidi,

maggio risveglia i cuori;

porta le ortiche e i fiori,

i serpi e l’usignol.

Schiamazzano i fanciulli

in terra, e in ciel li augelli:

le donne han ne i capelli

rose, ne gli occhi il sol.

Tra colli prati e monti

di fior tutto è una trama:

canta germoglia ed ama

l’acqua la terra il ciel.

E a me germoglia in cuore

di spine un bel boschetto;

tre vipere ho nel petto

e un gufo entro il cervel.

(Giosuè Carducci)

da PensieriParole http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-154346

Nei versi di Sara Teasdale non avverto la gioia prorompente che Maggio diffonde con la sua atmosfera festosa; sono versi sciolti espressi con una metrica che invita a meditare. La tristezza che lei prova, prevale sull’atmosfera gioiosa di Maggio.

Carducci invece usa il settenario, dal ritmo quasi “scoppiettante”, l’allegria di Maggio si sente eccome, però l’ultima quartina, ancora in versi settenari, non mi fa capire l’angoscia che lui prova: sembra quasi che voglia “scherzarci su” e che tenti di superarla descrivendo la natura in festa.

In condivisione con www.buongiornolatina.it

1 commento per Maggio

  • Caro Silverio hai detto una verità assoluta: la felicità non dipende da quello che accade fuori di te ma quello che hai dentro di te.
    Un posto che era meraviglioso un anno, un mese o un giorno fa, può in un altro essere un tormento.
    Le sensazioni di felicità/infelicità non si comprano, per fortuna; le produciamo noi attraverso il nostro stato d’animo.

    Volendo scherzare sulla situazione pre-elettorale di questo mese di maggio potremmo chiederci: “quale candidato potrebbe recitare l’ultima quartina di Carducci?”
    “…E a me germoglia in cuore
    di spine un bel boschetto;
    tre vipere ho nel petto
    e un gufo entro il cervel.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.