Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-18_14-18-30 i-03 ss07 56 59 15

La vendetta dei retunni

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino –  Ah ha! E mmo’ sì che so’ soddisfatto. Ogni limite ha la sua pazienza!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, quella è sempre la pazienza ad avere un limite.

Gg – E a mme che me ne fotte!  Sarranne pure cazz’ d’i suoi. Ma chi cazz’a canosce.
SR – Perfetto. Ma ora dimmi, di cosa sei soddisfatto?

Gg – Finalmente mi so’ vendicato! Comme songh’ soddisfatto!
SR – A sì? E di chi ti saresti vendicato?

Gg – Azz’ di chi? Ma all’uocchie nunn’i tiene? ’Sti quatte mangiapane a tradiment’ nunn’i vide?
SR – Giggi’, a chi aggia vede’ che ccà nun c’è arrimaste chiù nisciune? E si anzarmane pure ’sti quatte che dice tu, all’isola chiude.

Gg – E a me che me ne fotte? Chiude o nun chiude? Ie tengh’ a penzione ’i mammà.
SR – Di male in peggio.

Gg – E allora: nient’a me e nient’a nisciuno! E’ chiaro?
SR – Ma dimmi, quale “tremenda vendetta” hai messo in atto contro i tuoi nemici ideologici?

Gg – Penza, so’ stato tutt’a notte fore: m’è custate diece butteglie ’i birra.
SR – Hai fatto un party?

Gg – No no! So’ rimaste cca, nun so’ partute. Ma aggie pisciate ’nda tutt’i vas’i fiure d’u puort’. Hanne ietta’ ’u sanghe. Niente a me nient’a nisciune.
SR – Mamma mia e che schifezza! E che vendetta è mai questa?

Gg – Po’, aggi’acchiappate ’u cane ’i ’Ndunetta ’a chiattona e l’aggie iencute ’i cauce.
SR – Ma povera bestia! Che ti ha fatto di male? Chille n’accusa e nun conta!

Gg – ’A bestia niente, pe’ carità, è ’nu bbrave animale. Ma ’Ndunetta è ’na grande stronza: e fa parte d’a cricca ’lloro. E i’ nu’ rispett’ ’u cane p’a padrona.
SR – Ma guard’a chiste!!! Hai applicato la proprietà transitiva filosofica? Come Aristotele.

Gg – Chi, ’u nepote i Felipp’?
SR – Lascia sta’. E poi?

Gg – E po’ aggio appecciate tutt’i casciette ’i Filomena  ’a verdummara…  ’Nu belle fucarazz’i notte cie vuleve propio.
SR – Ma come, tu ci vai a comprare e gli dai fuoco di notte?

Gg – Sì sì, ’a robba è bbona e costa pure poco, ma sta’ tranquillo… ’i notte nisciune m’ha viste.
SR – Ho capito che nessuno ti ha visto, ma comunque non mi sembra giusto il gesto. E perché lo hai fatto?

Gg – Comme pecché!! ’U marito d’a figlia d’a cummarella soia, ha parlate male d’u cugnat’ ’i frateme. E nu sta bene! Nun è corretto!
SR – E che catena è questa? Mi sembra una faida.

Gg – Nun è zona.
SR – Ma così lo diventa.

Gg – Ma che diventa e diventa, accà i faine nun ci stanno. L’ambiente non è adatto.
SR – See vabbè! Comunque spero che ti sei fermato qua.

Gg – Macché! La vendetta continua.
SR – Ancora? Ma chesta me pare ’na vendetta vigliacca.

Gg – E pecché?
SR – E’ anonima, i malcapitati non sanno da chi e perché sono colpiti.

Gg – Te cride tu!? ’U ssann’, ’u ssann’..! Chi è senza colpa scagli la prima bottiglia di rum!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.