Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-01 paolo-02 paolo-16 e-09 ponza-cala-feola-sottocampo-1952-mario-sandolo-con-nonna-maria-avellino hp0049

La poltrona del dialetto (20). Pe’ tramente

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Poltrona: luogo del rilassamento. Talora però rilassa vedersi circondato dal nulla cittadino. Nella calma assopita del ‘foro borbonico’ i paesani hanno gesti rattrappiti. Fiacco il sole e lento. In attesa. Di cosa ?

Pe’ tramente

Fa ancora friddo…
mannaggia ’a miseria !
’U sole d’ a matenata,
abbasce ’u muole
vecino ’u Lanternino,
scaude llà pe llà. 

P’ u Puorto sulo quacche vecchiarella se vede
– è gghiuta da ’u duttore p’ i medecine –
quaccheduno for’ u bar,
a fianco a ’u Monumento.
Eppure ’u paese nun è fermo.
ind’ i catene ’a gente sta putanno ’i vite
e vecino ’i vvarche
se traffeca pe’ sistema’
’u mutore, ’a chiglia, ’a cabina.
Pure i piscature, ’i vveco, ncopp’i cianciole,
attuorne ’i vuzzette, ’i rezze, ’i cimme 

Stu sole ca nun scarfa
mette ’nmoto ’u desiderio.
Vaco guardanno ’ncielo
si accumpareno ’i saette nere d’ i runnenelle,
macché sule roie. 

Però llà nterra
ammiezz’ all’erva vecchia
’nu ciuffetto ’i fresie è cumparso.
Nun me sbaglio…
quaccosa sta cagnanno…
e sarrà… n’ata primmavera. 

Amme purta’ pacienza,
pe’ tramente,
e ’u sole, n’atu poco,
ce farrà signure.

 

Ecco la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.