Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-16-h-15 h-27 foto-04 sh 60 corrida13

Il “dopo Nino”. Per continuare…

Condividi questo articolo

di Silverio Guarino

 

Quattro o cinque conoscenti, magari anche amici, con in comune la passione per la musica leggera si incontrano sul nostro amato scoglio in una serata d’inverno e cominciano a suonare insieme.
Chitarra, basso, batteria, tastiere, voce.

Il loro repertorio è quello “classico” della canzone italiana, partenopea ed internazionale; non sono imitatori, ma interpreti originali dei brani musicali che amano e per i quali sono disposti a vedersi e rivedersi anche tutti i giorni per fare le prove insieme.

Altro che rincoglionirsi con facebook e internet! Vedersi e rivedersi, perché i “pezzi” devono venire alla perfezione, o quasi. Sì, perché le persone che li ascolteranno amano tutto di loro, anche le loro imperfezioni.
Ed amano vedere i cinque elementi che si esibiscono con i loro strumenti scintillanti, i microfoni e gli amplificatori “veri e dal vivo”, così come piace ai veri intenditori.

La batteria, con i piatti veri, rullante, cassa, tom, muto, charleston; chitarra con le sei corde brillanti, che si possono anche rompere, e di cui bisogna avere sempre una scorta; che dire del basso che con quelle sue quattro corde ti detta il ritmo con dei colpi che vanno dritti al cuore; e la tastiera: magica fonte di suoni inimmaginabili e pur sempre emozionanti. E la voce? Strumento “naturale” unico ed irripetibile, eccola lì con tutte le sue variabili intonazioni.

E vederli muoversi al ritmo dei loro strumenti, sotto le luci dei riflettori, con le goccioline di sudore “vere”, scambiarsi uno sguardo d’intesa o di malcelato rimbrotto, riempiranno gli spettatori di gioia e di grande partecipazione.

Perché non prepararsi all’estate con un gruppo musicale formato da abitanti dell’amato scoglio, che possa intrattenere i turisti ed i visitatori dell’isola durante il loro soggiorno?

Un gruppo.
Non più un solitario talentuoso dotato di elevata tecnologia, tanto da valere per cinque ma che magari da lontano si capisce che sta suonando solo perché si sentono i suoni emessi dall’amplificatore.
Quattro o cinque elementi, che possano attirare l’attenzione e l’interesse perché suonano “insieme”, e se in cinque si guadagna meno di quanto si può se si è da soli, si farà sicuramente più spettacolo e più attrazione.

E si divertiranno tutti: spettatori e musicisti, per la gioia del cuore e dell’anima. Sentimento impalpabile ed impagabile.

Con la benedizione di Nino

Silverio con Franco e Nino. Ott. 2011 a Lanuvio (foto inserita a cura della Redazione) 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.