Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

pa-01 u-13 u-27 q-60 corrida13 marie-la-moglie-di-giovanni-1973

Calcio Ponza. XX Giornata di Campionato

Condividi questo articolo

a cura di Giovanni Califano; inviato da Biagio Rispoli

 

CAMPIONATO 2016-2017 II^ CATEGORIA, GIRONE M 20^ GIORNATA
Campo Sportivo comunale Vaglie, Esperia
ASD ESPERIA – POLISPORTIVA DIL. PONZA :  0-0

Tabellino incontro
ASD ESPERIA: Chimirri, De Angelis (C), Cristini, Scaglia, A. Caramadre, Colozzi, Simoni, Traore, Parisse, L. Caramadre, Panella.
A disp.: Giordano, Aceto, Marsella, Di Trinca.
All.: Tomas.
POLISPORTIVA DIL. PONZA: Califano, Repele, A. Vitiello, Vecchione (dal 69° Tescione), Sil. Scotti, Costanzo, Migliaccio (C), De Meo, Orlando, Di Nallo, F. Vitiello.
A disp.: Rispoli, Ambrosino, D’Apice, Sal. Scotti, Ferramini, Coppa.
All.: Coppa.
ARBITRO: Sig. Pierfrancesco Bauco della sezione di Frosinone.
MARCATORI: –
NOTE: al 5° L. Caragrande (E) sbaglia un calcio di rigore; al 57° espulso A. Vitiello (P) per somma di ammonizioni; ammoniti A. Caragrande, Scaglia, Parisse, Simoni (E), Costanzo (P).

Dopo aver incamerato 9 punti in una settimana grazie a tre vittorie consecutive, il Ponza di mister Coppa cerca la quarta affermazione per continuare a veleggiare nella parte nobile della classifica.
Non sarà un compito semplice per i ragazzi isolani sbancare nell’anticipo del sabato Esperia: i padroni di casa, infatti, hanno perso solo due volte a domicilio e per di più contro la capolista Piedimonte San Germano e contro l’Atletico Itri terza forza del campionato.
L’undici di Tomas, decimo in graduatoria, è reduce da due sconfitte consecutive e vuole rilanciarsi; il Ponza ha il morale alto ma si presenta al Vaglie come sempre in formazione rimaneggiata.
Fuori causa Carta, i fratelli Napolitano, i lungodegenti Rispoli, Di Meglio e De Martino, out La Torraca e Scipione. Nel corso del riscaldamento alza bandiera bianca anche Ferramini che già non era al 100%. Assenze che pesano soprattutto a metà campo, con soli tre effettivi a disposizione; qualcuno dovrà per forza adattarsi.
Coppa opta per un 4-4-2 camaleontico e si affida nuovamente a Califano tra i pali; la linea difensiva a quattro è composta da Repele, Costanzo, Francesco ed Alessio Vitiello; centrocampo ancora una volta rivoluzionato con De Meo e Scotti diga centrale con Orlando e Vecchione sugli esterni; in avanti Di Nallo, match winner sette giorni fa, accanto a capitan Migliaccio.
Ponza in classica casacca verde con calzoncini e calzettoni verdi, Esperia in maglia arancione e calzoncini blu.
Arbitra il sig. Bauco della sezione di Frosinone.

Avvio shock per il Ponza. Al 4° minuto calcio di rigore per l’Esperia per un intervento di F. Vitiello in area ai danni di L. Caramadre sul quale il direttore di gara non ha avuti esitazioni.
Sul dischetto si presenta proprio il numero 10 esperiano: rincorsa rallentata e una finta per spiazzare Califano che però non abbocca e costringe l’attaccante ad angolare molto il tiro. Troppo. Palla sul fondo, con il numero 1 isolano che può tirare un sospiro di sollievo.
I padroni di casa non riescono a riprendersi dalla delusione e concedono campo ad un Ponza sì incerottato ma anche coraggioso. Vecchione, in particolare, dopo qualche panchina di troppo, sembra in giornata e A. Caramadre spende ben volentieri il giallo per fermare la percussione del ponzese.
Al 21° palla gol per il Ponza: calcio di punizione affidato a Migliaccio, destro non preciso che diventa però un involontario assist per De Meo che, appostato sul secondo palo, non riesce nella correzione vincente a pochi metri dalla porta.
Risponde l’Esperia al 24° ancora con L. Caramadre, destro di prima intenzione che termina ampiamente a lato.
Ancora da palla inattiva arrivano i pericoli per Chimirri; al 32° ci prova Di Nallo col mancino, comodo per l’estremo difensore esperiano.
Panella imita Di Nallo al 39°, Califano disinnesca un piazzato insidioso.
Partita tirata, spigolosa e con poche emozioni (eccezion fatta per il rigore): 0-0 all’intervallo.

La ripresa vede un Ponza intraprendente provare a chiudere l’Esperia nella propria metà campo. Orlando dapprima guadagna una interessante punizione dal limite con annessa ammonizione per Simoni, poi prova un destro al volo su cross dalla destra di Migliaccio con il quale non crea però grattacapi a Chimirri.
Di grattacapi ne crea eccome L. Caramadre al 53°: imbeccato all’altezza della lunetta dell’area di rigore, stoppa e calcia in una frazione di secondo andando a colpire la parte superiore della traversa.
Gli isolani non rimangono a guardare e rispondono a stretto giro con Orlando che, smarcato in area da un tocco di A. Vitiello, si presenta al tiro costringendo il portiere ad una grande parata.
Un minuto più tardi, però, il Ponza rimane in dieci uomini per l’espulsione proprio di A. Vitiello: severa seconda ammonizione da parte del direttore di gara e doccia anticipata per il numero 3 ponzese. Coppa corre ai ripari spostando Vecchione in difesa in luogo del terzino espulso ed abbassando Di Nallo sulla linea dei centrocampisti.
Sulla susseguente punizione, Panella con il destro fa la barba al palo.
L’Esperia, forte dell’uomo in più, spinge forte. Ponza rintanato nella sua metà campo.
Al 67° palla gol clamorosa per i padroni di casa con Colozzi che dopo aver seguito a fari spenti una ripartenza, viene servito a pochi passi dalla rete: tiro a colpo sicuro e determinante deviazione con il ventre di Vecchione, solo corner.
Entra Tescione, Ponza ancor più coperto per il finale di partita; gli fa posto proprio Vecchione.
Sono però gli ospiti ad avere la palla del vantaggio alla mezz’ora grazie al rapidissimo contropiede orchestrato da Migliaccio e Di Nallo: sul tiro-cross del numero 10 ponzese Orlando giunge con un attimo di ritardo.
La stanchezza prende il sopravvento nel finale e gli uomini di Tomas non riescono a trovare il guizzo per sfondare il fortino ponzese. Ponza, da par suo, che non riesce quasi mai a ripartire ma che, se non altro, gestisce con compattezza ed umiltà la fase difensiva. Proprio nel corso dell’ultima azione, al 93°, l’Esperia ha la palla dei tre punti, ma provvidenziale è la deviazione di F. Vitiello su un tiro dal limite dell’area da parte di Parisse.
Finisce a reti inviolate la sfida del Vaglie: 0-0 tra Esperia e Ponza.

Continua la serie positiva del Ponza di Coppa, giunto all’undicesimo risultato utile consecutivo; 31 punti in classifica per gli isolani che salgono momentaneamente al quinto posto. Punto d’oro quello ottenuto ad Esperia ed arrivato dopo un incontro combattuto e maschio, durante il quale il bunker isolano è sembrato più volte sul punto di crollare. E’ arrivata invece la quinta partita di fila senza subire gol, con l’ennesima prestazione di spessore della coppia Costanzo-F. Vitiello. Padroni di casa che avrebbero meritato qualcosa in più, ma Ponza che tutto sommato ha tenuto bene il campo nonostante le numerose assenze: premiato l’impegno e la dedizione mostrata da parte di tutti.
Mercoledì si torna immediatamente in campo per il secondo recupero: insidiosa trasferta a Sant’Andrea del Garigliano per i ragazzi di mister Coppa.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.