Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

g i-04 l-04 q-01 ss03 galite-sud

L’amore ai tempi della scrittura (2). Per la madre

Condividi questo articolo

di Silveria Aroma
me&mum

.

La memoria di Silveria per sentimenti che una volta trovavano espressione “per lettera” si arricchisce di questo secondo articolo
– la Redazione

Per l’articolo precedente, leggi qui

Nel mio personale panorama di epistole amorose prese in prestito dalla letteratura, mai e poi mai sarebbe potuta mancare una lettera alla madre.

Figura essenziale nella vita di ciascuno di noi, divenuta ancor più velata di mistica per chi, come me, se l’è vista sottrarre prematuramente.
Qualcosa – una sorta di speciale empatia – da allora mi lega con forza a chi ha conosciuto lo stesso acerbo dolore. Il mio personale resta fissato in una indelebile notte di febbraio.

Ho scelto un poeta siciliano Salvatore Quasimodo, legato – per amor di poesia e non solo – alla cara Alda Merini.
La madre del poeta aveva nome Clotilde; la mia Anna.
Tempo fa, studiando un po’ la lingua turca, ho scoperto che la parola usata per indicare la mamma/madre è anne.

La lettera alla madre rappresenta la nona lirica della raccolta La vita non è un sogno, composta tra il ‘46 ed il ‘48 e pubblicata nel 1949.
L’intera opera è pervasa da una poetica corale, piena di speranza e di dolore, per un’Italia uscita devastata dalla II guerra mondiale.

Nello scrivere alla madre malata, Quasimodo, la ringrazia per l’insegnamento di quell’ironia indispensabile per affrontare al meglio le brutture della vita.

quasimodo

.

Mater dolcissima, ora scendono le nebbie,
il Naviglio urta confusamente sulle dighe,
gli alberi si gonfiano d’acqua, bruciano di neve;
non sono triste nel Nord: non sono
in pace con me, ma non aspetto
perdono da nessuno, molti mi devono lacrime
da uomo a uomo. So che non stai bene, che vivi
come tutte le madri dei poeti, povera
e giusta nella misura d’amore
per i figli lontani. Oggi sono io
che ti scrivo. – Finalmente, dirai, due parole
di quel ragazzo che fuggì di notte con un mantello corto
e alcuni versi in tasca. Povero, così pronto di cuore
lo uccideranno un giorno in qualche luogo.
Certo, ricordo, fu da quel grigio scalo
di treni lenti che portavano mandorle e arance,
alla foce dell’Imera, il fiume pieno di gazze,
di sale, d’eucalyptus. Ma ora ti ringrazio,
questo voglio, dell’ironia che hai messo
sul mio labbro, mite come la tua.
Quel sorriso m’ha salvato da pianti e da dolori.
E non importa se ora ho qualche lacrima per te,
per tutti quelli che come te aspettano,
e non sanno che cosa. Ah, gentile morte,
non toccare l’orologio in cucina che batte sopra il muro
tutta la mia infanzia è passata sullo smalto
del suo quadrante, su quei fiori dipinti:
non toccare le mani, il cuore dei vecchi.
Ma forse qualcuno risponde? O morte di pietà,
morte di pudore. Addio, cara, addio, mia dolcissima mater.

Condividi questo articolo

2 commenti per L’amore ai tempi della scrittura (2). Per la madre

  • silverio lamonica1

    Alle delicate espressioni di Silveria sulla perdita prematura della mamma e ai versi del premio Nobel Quasimodo, voglio aggiungere una poesia di mio fratello Tommaso, composta nel dicembre del 1956, in occasione del trigesimo della scomparsa di nostra madre Amalia avvenuta il 12 novembre di quell’anno. Avevo solo 15 anni.
    Anche questa si può considerare una “lettera postuma”.

    NEL TRIGESIMO
    O mamma, nostro primo amore,
    non ti amammo abbastanza.
    Il babbo e noi figli vaghiamo
    sconsolati da stanza a stanza
    cercando il volto dal dolce sorriso
    ma rivediamo solo quello afflitto
    da malattia lunga e atroce.
    Come vorremmo riudire
    quella carezzevole voce
    che esortava al perdono, alla bontà…!
    Dal grembo tuo, generoso campo,
    dodici virgulti sbocciarono
    e serbasti loro con gioia
    le primavere risorgenti
    le estati calde e fruttuose.
    A te lasciasti (e non fu una rinuncia!)
    le stagioni inclementi e laboriose.
    Ora è un mese che si estinse la fiamma
    che ci aveva dato vita e calore,
    ma il battito dei nostri cuori,
    che in te plasmasti, sarà sempre
    più intenerito al tuo ricordo,
    o mamma, nostro primo amore,
    mamma!

    TOMMASO LAMONICA da “Isole e Acque” Lalli Editore 1977

  • silveria aroma

    Un’altra chicca, un’altra emozione.
    Grazie!

    Il mio dispiacere lo intrappolai così:

    Troppo lungo il dolore, madre

    Troppo breve il tempo
    troppo grande il distacco
    difficile abituarmi
    a non avere più la mia fortezza.

    Freddo vuoto incolmabile
    siderale distanza tra noi
    ognuna nel suo mondo persa
    nella sua dimensione ritrovata.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.