Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-01 c2-19 v3-10a 37 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato Spugne che si contengono lo spazio

Gigi Proietti e Max Tortora: su Rai Uno l’amore per Ponza

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
gigi proietti cavalli di battaglia

.

Si è parlato anche di Ponza ieri sera su RaiUno, nella seconda puntata del magnifico spettacolo di Gigi Proietti “Cavalli di battaglia” che si avvale ogni volta, oltre che dell’insuperabile protagonista e padrone di casa, di ospiti di tutto rispetto.
Questa volta c’erano tra gli altri, ed è proprio un modo di dire, Renzo Arbore, Bianca Guaccero, Enrico Brignano, Greg & Lillo, Max Tortora. Ed è stato proprio dialogando con quest’ultimo, che come tutti sanno è altissimo, che è venuto fuori il nome della nostra isola.

Proietti e Tortora parlavano appunto di altezza e quest’ultimo riferiva come fosse poco indicativo nel suo caso quando fa il bagno in mare dire “qui si tocca”. Ma poi hanno aggiunto: “Dove facciamo il bagno noi però non si tocca davvero: a Ponza l’acqua è profonda dappertutto”. Un ottimo spot.
Gigi Proietti può essere davvero essere considerato ponzese d’adozione, avendo scoperto la nostra isola moltissimi anni fa e avendo comprato casa in località Santa Maria, vicino alle Grotte Azzurre, in tempi certamente non sospetti e poco modaioli: insomma un amore autentico che lo showman ha avuto modo di dimostrare e ribadire in mille occasioni, perfettamente ricambiato dagli isolani.

E’ un acquisto più recente ma ugualmente entusiasta invece Max Tortora, che da qualche anno a questa parte capita spesso di incontrare lungo le strade dell’isola, con la sua statura chilometrica e l’andatura dinoccolata. Del resto non serve fare l’elenco dei vip che nei vari campi hanno Ponza nel cuore e qui trascorrono lunghi periodi di vacanza: si allunga ogni anno di più. Restando in tema di “Laboratorio teatrale Proietti” citiamo solo Giorgio Tirabassi e Rodolfo Laganà, ormai anch’essi degli habitué.

Un piccolo aneddoto sulla statura di Max Tortora. Un paio di anni fa, una sera era seduto davanti a me nella platea del Teatro D’Annunzio di Latina per assistere a uno spettacolo di Alessandro Gassmann. A parte scusarsi subito “dell’ingombro”, è stato per tutto il tempo letteralmente sdraiato per non dare fastidio: superfluo aggiungere che quella serata me la sono goduta più che se al posto suo ci fosse stato un nano.

leo gullotta con max tortora

Max Tortora con Leo Gullotta

Gigi-Proietti

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.