Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-19_12-33-50 i-28 paolo-02 28-07-2005-0-18-52_0001 fg m2-33

Ponza libre

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Cuba-libre-cocktail-con-rum-cola-e-lime.1

 

Sang’ ’i Retunne – Ebbravo Giggino, ogni tanto te fai a’vvede’.
Giggino – Essì. Non posso mica abbandonarvi nella vostra ’gnuranza. Ccà non ve pozze mai lascia’ ’a sule che combinate guaie ’ruosse.

SR – A sì? Ma se non sbaglio questa cosa te la dicevo io quando studiavo fuori.
Gg – Eccome no! La dicevi tu, ma ’u ’uaie tuoie è propiete ca studiavi. Chiù studiavi e chiù te si’ scimunute.

SR – E dalle. Mo’ accussì va a furni’.
Gg – Il problema di questo scoglio songh’ i ranci pelusi.

SR – E mo’ che vuoi dire?
Gg – Che il problema di Ponza sono i ponzesi che sono troppo antichi ’nda capa.

SR – Se non sbaglio questa cosa già devo averla sentita da qualche altro. E allora?
Gg – E allora qua c’è bisogno di cambiare molte cose.

SR – Ah ecco!
Gg – Bisogna cambiare tutto per adeguarci alla glo-pallizzazione.

SR – Giggi’, si dice globalizzazione. Vuo’ fa’ ’u filosofo e po’ nun sai parla’.
Gg – Tu he capito? E allora? Uvvì che si’ strunze?

SR – Se se, mo’ accussì va a furni’, prima scemo e poi strunze. E cosa cominceresti a cambiare, sentiamo…
Gg – Io accummenciasse a cagna’ ’u nomme d’i vvie, d’i piazze e ’i tutte cose. Aria aria… sciò sciò!

SR – Addirittura? Fammi qualche esempio.
Gg – Calacaparra in… Calacazzate.

SR – Addirittura? E perché?
Gg – Comme pecchè? Quanti cazzate vanno a raccunta’ là  bbascie p’ave’ i voti?

SR – A sì? E poi?
Gg – Che è ’stu Ciancosse? Basta con questi nomi extracomunitari. Comme fa ’nu povere viggile straniero a spiega’ a ’nu frastiere che vordi’?

SR – Tu dici? Ma a me non pare che sia un nome extracomunitario. Che proponi?
Gg – Piazza Romania. È chiù adatto.

SR – E perché?
Gg – Ma ’a quantu tiempe nun t’a fai ‘na cammenata là?

SR – Ma! Sarà! Eppo’?
Gg – ’U Chian’i volo.

SR – Questo è facile. ’U Chian’i viole. Mo’ ci atterrano gli elicotteri.
Gg – Ebbravo. Uvvi’ che quando te spriemmi co’ccosa esce?

SR – E poi?
Gg – L’Orto degli aulivi.

SR – Questo lo so: le banchine. Poi?
Gg – Piazza piscia-cane!

SR – E daiii..!
Gg – Abbasci’o Tramp’.

SR – Pure con giù al Campo ce l’hai ? Mo’ questa me la devi spiegare.
Gg – E che vuoi spiega’? Là so’ addiventate tutte ’mericani, tutti Trappani.

SR – Incredibile.
Gg – Chiali-zero.

SR – Essì, oramai Chiali-una è finita!
Gg – Ma la cosa cchiù meglio assai sarà ‘ponzalibre’.

SR – Una specie di “cuba libre” a base di rum e coca-cola? E cosa sarebbe?
Gg – E bbasta cu’ ’stu nomme ‘Ponza’, antiche e cafone che nun serv’a niente. Ccà pe’ cagna’ ’i cose ce vo’ ’u rumme a tutte parte. Il motto è: “Ponzalibre e tutto sarà compiuto”.

1-venerdi-pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.