Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0029-029 u-03 c2-19 g-02 m3-15a 60

Poi arrivavano i giorni che si doveva ripartire…

Condividi questo articolo

di Tonino Esposito
il-vapore-nel-porto-notturno

 

Le festività di Natale, Capodanno e Epifania sono terminate; spero che gli amici e i lettori di Ponzaracconta le abbiano trascorse bene.
Questo periodo – appena passate le festività o più precisamente le vacanze di Natale – era molto particolare per tutti gli studenti che fino ad alcuni anni fa ritornavano a Ponza per trascorrere i giorni di festa con la famiglia.
Oggi mi sembra non sia più così; non c’è più quella vivace allegria che portavano gli studenti tornando sull’isola, dai genitori, dagli amici di giochi e di comitiva.

Però io ricordo i tempi in cui appena dopo le feste, bisognava affrontare il duro rientro, ancora più triste quando al mattino presto e malvolentieri si andava a prendere la nave – “u vapore” – per Formia e di là ognuno prendeva la propria strada.

Per dare una voce a questo sentimento diffuso Franco De Luca negli anni ’80, compose “Quanno iammo a piglia’ ’u vapore” (leggi e ascolta qui la poesia recitata dall’Autore).

Diversi anni dopo la trasposi in musica perché quelle parole mi davano sensazioni antiche che ancor oggi ricordo…
Di quando con mia madre partimmo per andare a Napoli; il solo pensiero di lasciare la mia isola, anche se non ero da solo, mi dava un senso di malessere già dalla sera prima.
Ricordo che la mattina presto, quando mia madre ed io arrivammo all’altezza della casa dove stava allora Melazz’, il padre di Alberto Migliaccio, là davanti, dove ancora oggi c’è un piano di cemento levigato, io tutto sconvolto, diedi di stomaco. Era la prima volta che lasciavo Ponza; eravamo verso la fine degli anni ’40.

Quante cose ti porti dentro, quando al buio scendi giù al porto pe’ piglia’ ’u vapore. Quanti pensieri a volte ti trattengono, non vorresti partire ma… te n’he i’, pecché ’a vita è pure chest’.

Un caro saluto a tutta la Redazione e ancora grazie per l’attenzione che mi concedete.
Tonino

 

Ascolta qui dal file mp3 e leggi sotto le parole del testo

 

Quanno iammo a piglia’ ’u vapore

Quanno iammo a piglia’ ’u vapore
Ponza tene ’n’atu culore.
Se veste ’i malincunia
comme si ’nte vulesse fa’ piglia’ ’a via.
Sarrà forse che se parte ’i notte,
sarrà forse ca i vie so’ morte,
sarranno i luce ca nun so’ forte,
ma te vène ’na stretta ’u core
e maledice che te n’he i’ fore.

Siente i passi ncopp’ i prete
e si t’aggire adderete
’stu scoglio,
tutt’a vita t’arrecoglie.
È vero ’nce po’ abbasta’,
è tropp’ pitte pe’ ce da’
tutto chell’ ca vulimmo guadagna’.
È vero stammo stritte stritte
e pe’ chesto che fra nuie ’nce guardammo adderitto.

Ma ‘stu paese ’i merda
nun t’u scuorde,
po’ ffa’ tarde
ma cca he ’a turna’.

Troppo ce fa pena’
Pe’ ce ’u scurda’.
E tutto vene a mente
strada facenno
mentre ’u vapore illuminato
t’aspetta ind’u puorto attraccato.

Allora vulisse chiagne,
te ne vulisse fotte d’u munno ca te chiamma
e invece te n’he i’
pecché pure ogge, Punzese, he suffri’

motonave-isola-di-ponza

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.