Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 e-13 v1-24 ponza-cala-feola-sottocampo-1952-mario-sandolo-con-nonna-maria-avellino 78 Astroides calycularis

Questi giorni… (2). Le mimose

Condividi questo articolo

di Sandro Russo

 

Per la puntata precedente leggi qui 

Si diceva delle stagioni che sono cambiate, delle fioriture precoci…
Luisa guardando una foto di Silveria Aroma ha ricordato i narcisi della sua infanzia (leggi qui). Sì, cara Luisa, sono proprio quelli, tra i fiori più precoci a fiorire (in francese jonquille), ma talvolta esagerano!

Narcisi-copia

Narcisi selvatici [Narcissus spp. (species) – Fam. Amaryllidaceae]. Come altre amarillidacee, i bulbi di narciso contengono un alcaloide tossico

A Ponza, già l0 scorso anno, in questa foto di Biagio Vitiello del 23.12.2015 (leggi qui) erano fioriti a dicembre:

narcisi-fioriti-a-dicembre-biagio-23-dic-2015

Anche quest’anno qui da me sono fioriti a metà dicembre, tanto che ora sono quasi sfioriti:

narcisi-quasi-sfioriti-kiwi-fave

Narcisi in primo piano; a dx il campo di kiwi che sta perdendo le foglie; a sin lungo la rete, due file di fave…

bouganvillea-e-limoni
Altre stranezze ‘fuori tempo’ sono le bouganville, quasi dovunque ancora in fiore; qui al casale sovrapposte ai limoni che cominciano appena a colorarsi di giallo

mimosa-ingresso

Quest’anno, sempre dalle parti mie – Castelli romani – poco oltre la metà di dicembre, sono fiorite le mimose. Non tutte, ma qualcuna sì, in posizione più protetta e assolata.

mimosa-pp-sfondo-fichi-dindia-vert

mimosa-fichi-dindia-orizzont

La mimosa ora in fiore: sullo sfondo una pianta di fichi d’India con diversi frutti rimasti su

Una volta le mimose fiorivano all’inizio di marzo.
Era così caratteristica, questa fioritura, che furono scelte (e abusate) come fiore-simbolo per la festa della donna, l’8 marzo.

Negli ultimi anni comunque, non se ne poteva più: ad ogni incrocio, in città, c’era un immigrato che ti voleva vendere il suo mazzetto per 1000 lire; poi per 1 euro. Nord-africani, arabi: tutti abbastanza estranei alla festa della donna!
In campagna si viveva il risvolto distruttivo di questa operazione commerciale: giungevano con tutti i mezzi, biciclette, tricicli, furgoni, a depredare le piante fiorite ai bordi delle strade; con marranci e accette, quando erano meglio organizzati, ma il più delle volte con le mani nude per fare più in fretta.
Alla fine della devastazione le piante restavano mutilate, con i rami schiantati lasciati a pendere e spogliati dei fiori, gli scarti lasciati per terra tutt’intorno.

Poi le mimose hanno cominciato a fiorire sempre più presto; ormai a marzo arrivano solo fiori rinsecchiti, brunastri e spenti, senza la grazia vaporosa della fioritura al suo inizio.
Più spesso fiorivano a metà febbraio ma mai come questi ultimi anni, prima della fine di dicembre.

mimose-con-neve

Ma per le mimose trovarsi sotto la neve è un rischio immanente; questa è una fioritura sotto la nevicata ai Castelli dell’11 febbraio 2012:

camelie-mimise-mandarini

casettina-mimose-camelie-1

casettina-mimose-camelie-part

La nevicata del marzo 2012 è stata la più seria che ricordi, negli ultimi anni. Nelle foto qui sopra l’associazione di camelie e mimose fiorite, insieme ai frutti del mandarino

Un anno – ricordo – tante mimose fiorite a fine gennaio soprattutto a Roma, dove per la protezione dei palazzi la temperatura è più mite… Ma poi venne il freddo, quello vero col gelo, e parecchie di quelle che erano avventatamente fiorite finirono male.
Chissà che succederà quest’anno, con il freddo di questi giorni, delle avventate del 2017?

Ogni tanto ci ritroviamo a pensare a qualcosa ‘com’era prima’ e a come rapidamente ci sta venendo meno la possibilità di invertire questa tendenza precipitosa alla perdita e al degrado.
È impressionante il cambiamento dei ritmi della natura sotto i nostri occhi: la scomparsa delle lucciole, la rarità della neve, il prolungamento dell’estate, la mitezza degli inverni; una volta questi cicli prendevano tempi più lunghi della vita di un uomo; vederli avvenire sotto i nostri occhi dà un’idea dell’accelerazione dei cambiamenti, ma è qualcosa di innaturale e vagamente minaccioso.

.
[Questi giorni… (2). Fine]

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.