Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v4-14a v7-20 m1-14 m2-8 17 45

Confetti rossi

Condividi questo articolo

la Redazione

ndre

.

C’è sicuramente qualche foglia di vite nella corona di alloro della foto: Giuseppe Andreozzi si è laureato oggi in Enologia presso l’Università della Tuscia di Viterbo.

A Giuseppe vanno le congratulazioni vivissime di tutta la redazione di Ponzaracconta; oltre che con il tradizionale lancio di confetti rossi, lo festeggiamo stappando idealmente una bella bottiglia di spumante e augurandogli un brillante futuro professionale.

La produzione del vino ponzese ha tradizioni antichissime; bisogna risalire almeno all’ottavo secolo avanti Cristo, allorché i coloni euboici si stabilirono a Ischia e vi impiantarono i primi filari. Nelle carte catastali della prima metà del Settecento i terreni del Fieno già vengono definiti “vitati” e le tre “effe” che caratterizzano il regno borbonico (feste, farina e forca) vengono declinate a Ponza in chiave enologica: Faraglioni, Frontone e Fieno, le tre località che, grazie a un’esposizione particolarmente felice, danno il miglior vino.

Al neo-dottore Giuseppe Andreozzi l’augurio di poter aggiungere tante nuove pagine al libro dell’enologia, ponzese e non solo.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.