Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-18-35 pdp g-01 v4-11a p-03 sl372210

La poltrona del dialetto (18). Vola, vola sicura

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
foglia_al_vento

 

Il vento impera, sull’isola non dà tregua, Ora che la natura risparmia le sue forze le foglie si staccano e si sviliscono sul terreno. Non tutte

 

Vola, vola sicura

 

Ce ne stanno ’i foglie

ca deventano munnezza

e quanta fronne e fiure

’u viento forte spezza;

eppure ce ne sta una,

’na fugliulella scura

ca comme n’angiulillo

vola, vola sicura.

Mo ’na refola l’aizza fino a ’ncopp’i case

e mo rasenta i mmure e scanza i panne spase.

E ’u viento ’a sustena e ’a porta luntana

’ncopp’ u mare, p’i vosche, addò ’u farco fa ’a tana.

E se ne va, leggera, ’a fugliulella:

pigli’u viento, comme tenesse i scelle.

S’arape, se schieie, se spanne,

se sazzia, scialeie, se gnotte ’u munno.

Pure essa primma o doppo ha da cade’,

se mmesche c’a terra e va a muri’.

Ma s’è sazziata ’i sole,

s’è abbuffata ’i mare,

s’è libberata comme i runnenelle

d’ogne peso ca l’aggrava

pe gghì a tucca’ i stelle.

Ie dico ca ’u puo’ ffa’ pure tu:

chella foglia si’ tu.

foglie-sullacqua-riflessi

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.