Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

banchina-nuova-2 h-22 i-12 pa-02 28-07-2005-0-18-15_0000 p-04

Canzoni tradizionali preservate dai ponzesi d’America

Condividi questo articolo

proposto e tradotto da Silverio Lamonica
italian-folk-songs

 

Ho fatto un’altra interessante “scoperta”: una raccolta di canti folcloristici italiani “Italian Folk Songs”. Si tratta di una raccolta di vari canti del folclore regionale italiano, incisi su disco, edito nel 1965 da Alan Lomax e Carla Bianco negli U.S.A. I canti sono eseguiti nei vari dialetti regionali italiani dai nostri emigranti delle comunità di New York City e Chicago.

Questo il testo di riferimento in file .pdf: italian-folk-songs

A pag. 10 e 11, tra i canti della Campania, ci sono tre canti eseguiti in dialetto ponzese. Io ho tradotto la “presentazione” di ciascun canto ed ho cercato di trascrivere i vari testi nella maniera più fedele possibile (dal momento che il formato .pdf del file non consente il “copia e incolla”). Mi preme fare tale precisazione per tranquillizzare i miei carissimi colleghi puristi del dialetto ponziano, coi quali talvolta disquisisco nel merito, proprio su questo sito.

***

Passione (Ballata) dell’isola di Ponza, cantata dalla Signora Ortensia Iodice.

Del tutto diversa dalla Passione siciliana, questo canto è molto poetico e assai efficace nella sua semplicità. Il suo dramma, innanzitutto umano e in secondo luogo religioso, appartiene a tutte le madri che piangono la morte dei loro figli, ed è questo elemento che rende tutte le ballate folcloristiche della Passione così espressive. La cantante è una casalinga che vive nel Bronx, New York in una comunità di immigrati da Ponza:

Figlio, che dolore de la toa santa fronde
ma aresemeija lu sole quanne spont’
ohi, figlie, vohimmé.

Figlie, che dolore dei santi ciglie,
ma aresemija lu sole quande spriglie,
ohi, figlie, vohimmé.

Figlio, che dolore dei santi occhi,
mamma ‘n facce ‘lla croce t’ha visto mort’
ohe, figlie, vohimmé.

Figlie, che dolore la tua santa faccia,
i acomme soppurtaste tanta schiaff’
e voi figlie vohimé.

Figlio, che dolore del tuo santo nase,
te l’hanno fatte come ‘na cera refinat’
voi, figlie e vohimé.

 ***

Care cumbare, cantata dal Signor Silverio Pacifico, Signora Candida Pacifico e Signora Civitella Sandolo.

Questo canto si compone di due parti, di cui una è eseguita da un uomo e l’altra di solito da un coro di donne. In questo caso il cantante è un ex pescatore dell’isola di Ponza, le due donne sono casalinghe. Tutti vivono nel medesimo isolato della comunità ponzese di New York e sono tutti parenti (una delle donne è sposata col cantante solista e l’altra è la di lui madrina).

Il canto elenca i diversi suoni degli strumenti che conoscono.

Care cumbare, che vai sonanne?
Vache sonann’ ‘u cambanielle.
Comme se sona’sso cambanielle?
E ndindindì fa’u cambanielle

Care cumbare, che vai sonanne?
Vache sonann ‘a campanella
Comme se sona ‘ssa campanella?
E ndendendé fa ‘a campanella
E dindindì fa ‘u campanielle

Care cumbare, che vai sonanne?
Vaco sunanne u cambanone
Comme sesona’ssu cambanone?
E ndondondò fa u cambanone
E ndendendé fa a campanella
E ndindindì fa u cambanielle.

Care cumbare, che vai sonanne?
Vache sunanne ‘u mandulino
Come se sona’sso mandulina?
E ndrindrindrì fa’u mandulino
Mbombombò fa’u cambanone
Mbambambà fa la cambana
E ndindindì fa u cambanielle

Care cumbare che vai sonanne?
Vache sonanne la chitarra
Comme se sona chessa chitarra?
E nfranfranfrà fa la chitarra
E ndrindrindrì fa ‘u manduline
E mbombombò fa ‘u cambanone
E mbambambà fa la cambana
Mbembembé fa la cambanella
E ndindindì fa ‘u cambanielle

Care cumbare che vai sonanne
Vache sonanne ‘o cuorn’ ‘e cacce.
Comme se sona ‘sso cuorno ‘e cacce?
E musica e musica e schiaffe ‘nfacce
E nfranfranfrà   ecc.
E prepetebè fa ‘u tamburrone

Poi seguono: campana, campanone, chitarra, corno di caccia e infine la grancassa. Ogni volta i suoni si accumulano finché, nell’ultima strofa, vengono tutti eseguiti rapidamente.

***

Ninna Nanna, cantata dalla Signora Civitella Sandolo. Qui sono riportate appena sette (sic) delle venti strofe di questa ninna nanna ponzese.

A la chiesa a purtata a battezzare,
e nanna nanna, nanna nanna rosa. 

Piglia stu figliu nu’ dorme, manc ‘arreposa
e nun z’addorma si prima nun e candata 

Vo essira candata da tre sanda,
e da Maria Maddalena e la Madonna.

Oh nanna nanna, nanna nanna viene
Tu vienetenne, quand’è mezzanotte.

 

Confesso che, tranne la simpatica canzone “Care cumbare”, gli altri due testi non li conoscevo affatto. I nostri concittadini emigrando in America, hanno portato con loro, oltre al culto per il santo protettore, anche tanti altri elementi della cultura originaria ponzese.

Purtroppo nel file non c’è il “sonoro” come in tanti altri casi. Mi auguro vivamente che qualche nostro concittadino nuovaiorchese conservi ancora quel disco in vinile, perché sarebbe molto bello ascoltare quei canti.

Condividi questo articolo

1 commento per Canzoni tradizionali preservate dai ponzesi d’America

  • Judy Racic c/o S. Silverio Shrine

    Judy Racic ha scritto sulla pagina Facebook di S. Silverio Shrine:

    Sì, ricordo mia madre Ortensia, mentre cantava diverse canzoni a quella giovane donna che faceva la registrazione… Quella donna venne a casa mia due volte e poi mi ricordo anche che lei dichiarò che la sua prossima tappa sarebbe stata Chicago… Parecchi mesi fa la mia figlia minore ha trovato queste registrazioni, sebbene non molto chiare…
    Sono stata così felice di vedere quest’articolo!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.