Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-04 i-26 ambrosino-01 v8-6a asilo-01 sl372210

Epicrisi 96. Non abbiamo vinto niente

Condividi questo articolo

di Sandro Vitiello
i-due-colonnelli-film-di-steno-del-1962-con-toto

.

Non mi riferisco al Superenalotto anche se ogni tanto due euro li investo in quel sogno irrealizzabile.
Vuoi mettere vincere cento e passa milioni di euro?

Se non mi porta via la mafia, se non mi assalgono parenti e conoscenti che manco conosco che me ne faccio di tutti quei soldi?

Ma come diceva una bella citazione di un film americano – per la cronaca Will Hunting, genio ribelle – è più facile che ti colpisca in testa un meteorite che vincere la lotteria.

good_will_hunting

Venerdì era il 4 Novembre e mi accorgo che noi di Ponzaracconta non ne abbiamo scritto; non con un articolo dedicato; solo una citazione in Rassegna Stampa (leggi qui).

Niente di grave; in altra epoca ne abbiamo parlato e ormai sono passati cento anni da quei terribili eventi; se c’era qualcosa da festeggiare ormai non ce n’è più ragione.
Mio padre diceva che la guerra la vince chi riporta a casa la pelle…

In questi tempi ce ne sono tante di guerre in giro per il mondo e le ultime hanno cambiato il destino di intere nazioni e aree geografiche.
Che ne sarà della gente siriana e delle tante altre comunità di uomini che hanno visto distrutto il loro mondo e sono stati costretti a scappare verso un destino di sofferenze e di morte?
Noi che stiamo in mezzo al mare sappiamo cosa vuol dire mettersi in viaggio con mezzi di fortuna.
Quelle persone si mettono in viaggio sperando che per se stessi e per i propri figli ci sia ancora un domani.

Ce lo ricorda costantemente papa Francesco.
La sua voce non è arrivata dalle parti di Goro dove hanno alzato barricate per proteggersi dall’invasione di dieci donne e otto bambini.
Goro è parte di quel mondo che nel ’51 subì una terribile alluvione e tanti suoi abitanti dovettero scappare per trovare ospitalità in Lombardia e in altre zone d’Italia.
Vennero costruiti interi quartieri per fare posto anche a loro.
Gente senza memoria.

30dfe8a526808bb38e4b4def448bf2e0

Torniamo a noi. Settimana ricca di spunti e di riflessioni dalle pagine di Ponzaracconta

Argomento sempre attuale l’industria turistica che trova motivo di riflessione nello scritto di Paolo Iannuccelli (leggi qui)

Riflessioni che portano a ragionare del parco del Circeo e del modo con cui viene amministrato (leggi qui).

Riflessioni che portano Vincenzo Ambrosino a chiedersi e a chiederci se è corretto l’approccio alle tematiche ambientali da parte nostra – di noi ponzesi – e da parte di chi ci amministra (leggi qui).

Per la ricorrenza del 2 novembre alcuni scritti ci hanno ricordato i nostri cari che non ci sono più.
Enzo di Fazio parte dai ricordi della sua infanzia e dal valore della giornata dei morti anche per i bambini. Anzi della nottata che la precede (leggi qui).
Ne scrivono anche Silverio Lamonica (leggi qui) e Franco de Luca (leggi qui).

Franco approfondisce anche un ragionamento intorno alla poesia “ ‘nu viecchio ” aggiungento al testo la recitazione.

Che dire poi dei ricordi di Gaetano (Guy) Migliaccio e del suo viaggio in America nel ’55?

gabbiani-olio-su-tela-2012

La sue parole sono di grandissimo valore e confermano – se mai ce ne fosse bisogno – l’importanza di questo nostro spazio.
La storia della nostra isola è anche storia di tanti uomini e donne che l’hanno lasciata per necessità o per scelta ma che solo in pochissimi casi ne hanno perduto il ricordo.

Rosanna Conte ci racconta di Mino Maccari a Ponza. Il fascismo scomodava anche firme illustri per alleggerire la triste fama che si era fatto presso le cancellerie europee dopo l’istituzione del confino.

corso-principe-di-napoli

Alcuni parlavano di villeggiatura ed altri ci hanno aggiunto che i ponzesi ci avevano da guadagnare con i confinati. Punti di vista.

Laziomar ci rende ragione su una polemica che qualche tempo fa ha tenuto banco.
Nei week end anche i “nativi” hanno diritto agli sconti riservati ai residenti. Ma i ponzesi nati in ospedale a Formia sono “nativi” o no?
E mia figlia che è più ponzese di me dove la mettiamo? Queste sono cose che andrebbero approfondite.

1-through-the-diaphragm

Sempre che qualcuno non ci faccia il malocchio, come si analizza nello scritto segnalato da Michele Vitiello.
Prosegue intanto il racconto di Sandro Russo sul suo viaggio in Cina.

kunming-la-foresta-di-pietra

Buone notizie: Melania Di Fazio (figlia di Gennaro) si è laureata a pieni voti: complimenti a lei e ai genitori.

Triste notizia: è mancata suor Miranda Esposito. Aveva 97 anni e non ha mai smesso di pensare alla sua Ponza.

suor-miranda-con-la-nipote-angela-retail

Anche a Ponza è stata aperta la porta santa, alla presenza del vescovo. Ne scrive Martina Carannante.
Siamo quello che siamo ma ci piace così.

Buona domenica
PS: “Venerdì pesce” la bibbia di tutti i rotunni ponzesi è sbarcata a Latina.
Così finalmente potremo portare un po’ di civiltà nel mondo.

venerdi-pesce
Immagine di copertina. Totò nel film di Steno del 1962: I due colonnelli

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.