Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0040-040 h-12 a-04 t6-25 la-galite-degli-anni-80 Ritrovamento della parte muraria del vecchio porto romano

Dall’isola: 2 novembre

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
cimitero-scalette-in-discesa

 

In questo porto è quiete. Protetto dai muri della pietà le zolle fioriscono di colori innaturali, di fiammelle finanche. Come fatui sprazzi di vita, di palpito.

Dalle lapidi sorridono i volti in una smorfia finta, e le acconciature delle donne dicono di un tempo passato, e i bimbi nelle foto mostrano immobili posture innaturali.

Suona una campana, grave; suona a lutto.

Cimitero, porto della nostra pace.

Fra i loculi passano coloro che oggi calpestano il suolo dell’isola. Affranti perché il peso dell’affetto reciso soffoca.

cimitero-e-scoglio-rosso

Il colle della Madonna è gravido di dolore, quasi si accascia sotto i ricordi che zampillano e presto scemano. “Quell’uomo fu falciato nella sua giovane età; quella donna si chiuse alla vita nel lasciare al mondo la sua creatura; e dalle foto d’epoca si esalta la famiglia; e dai volti scapigliati si ride alla vita”.

Nelle cappelle, sulle seggiole donne in nero invitano i passanti a mirare: “Guarda come era bello Franchino mio”. Il piglio della maestra, la smorfia della vecchia fotografata all’insaputa.

Domani questo porto vedrà anche noi come carcasse ormeggiate, in disarmo.

Lì in faccia al mare che tormenta i faraglioni rivedo mio padre. Serio e pensieroso. Come tutti i padri, come tutti gli anziani. E mia madre a fianco, sorridente.

Voglio chiudermi al dolore, lasciarmi alle folate del levante, per non soccombere alla morte. Piango, e mi libero dall’angoscia.

Vivo perché il ricordo viva.

cimitero-devozioni

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.