Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0014-014 0052-052 gruppo-comunioni 13 prove-con-giancarlo-nicotra Una giovane cernia bruna: Epinephelus marginatus

La poltrona del dialetto (16). ’Nu viecchio

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
nu-viecchio

.

Adagiatevi comodamente perché il comodo farà da contrappeso al frammento di realtà che la poesia illustra. Anch’esso vivo nella sensibilità.

 

’Nu viecchio

.

’Nu viecchio pennulea ’a ’nu barcone

abbabbiato, cu ’i mmane tremmanno.

Ogne tanto se scete ’a nu llucco d’ a canzone,

guarda, nun vede che ombre cammenanne.

Remmane accussì, ’ntrunato,

allupato ’i capi’ ’a vita che n’ ha guduto.

’U vecchiariello se vulesse spassa’ ancora

e n’ ha capito ca pe chi nasce povero

meglio è ’u sunna’,

meglio d’ u capì è s’ accuntenta’

’i chello c’ a mente ’nventa,

pecché si no nun sulo n’ he visto niente

ma te remmane dinto ’a pecundria

a vvede’ ca n’ato s’ha pigliato ’u ttuie.

Che bbuo’ fa’. Tu he passato l’aità ’i piglià a ccauce ’a sucietà.

Suonnelo ’u dimane ca tiene mmente,

’nt’arrenne a chello ca siente.

Si ’a vita è merda

’nte spurca’ quanno ’a morte s’ appresenta.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.