- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Commentare non basta!

di Pasquale De Rosa

fatti_parole [1]

.

Tempi difficili questi che stiamo vivendo a Ponza. E quanti commenti su ogni aspetto della vita pubblica e privata!
Spesso, però, lasciano il tempo che trovano! Sono tanti, anzi tantissimi, che ci disorientano e finiscono per consolidare sempre più il “sistema”. Quel sistema verticale, e non solo, di cui, servendomi del pensiero del pool di Gherardo Colombo, ho sempre arricchito i miei interventi politici particolarmente nei periodi elettorali, quando bisognava rinnovare la giunta comunale.

Non ho mai criticato o condannato chi, con delega in bianco al rinnovato sindaco sostiene quel sistema. E questo è successo uno, due, tre, quattro e cinque volte, e tra queste volte abbiamo conosciuto anche due commissari prefettizi.

Mi rivolgo non a conoscenti o amici di gioventù passata, ma a tutti coloro che sono di labile memoria o agli animi sopiti.

E soprattutto a tutti quei soggetti che hanno fatto “decadere” Ponza e che ad ogni appuntamento, sempre in quei rinnovi di giunta, si disimpegnano dalla scena pubblica. Eppure il sottoscritto ha sempre reclamato e invitato alla partecipazione, come indice di democrazia, per programmare assieme il nostro futuro.

Voglio aggiungere che è dagli inizi anni ottanta che il sottoscritto, è consapevole che uomini per bene, colti, onesti, intelligenti ecc., a Ponza non sono pochi – ed è anche il nostro orgoglio di ponzesi – Me lo riconfermano tante belle penne, autori sul nostro sito Ponzaracconta e anche tanta gente comune che ci onora. Ma forse questo non è sufficiente.

A volte mi sono sentito come una pecora in mezzo ai lupi, dove si sono annidati quei vecchi e nuovi della intellighentia ponzese che hanno lo sguardo rivolto ad una data: maggio 2017.

La giunta Vigorelli ci voleva: ha fatto risvegliare molti indicando come dovrebbe essere una giunta, dove altre, per tutte quelle istanze dormienti e non solo, dai tempi dalla chiusura della SAMIP, non hanno proposto alternative concrete.

Ecco perché i commenti da soli non bastano.
Bisogna cominciare a proporre soluzioni e idee nuove.