Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0005-005 i-33 paolo-17 k2-28 s2-29 Ctenoforo

Alfredo Scotti: ‘O tiempe passa e nun t’aspetta

Condividi questo articolo

di Rosanna Conte

img-20160925-wa0003

.

Non avrei mai sospettato che Alfredo Scotti, che noi conosciamo come valente tecnico di impiantistica – ricordiamo il suo lavoro presso la SEP, ma con esperienze pregresse nel campo, civile e industriale, delle telecomunicazioni e dell’antincendio – amasse scrivere poesie. E non da poco tempo. Sai dopo i cinquant’anni..! – potrebbe suggerire qualche malizioso. Invece Alfredo da  molto giovane si è dilettato nell’arte poetica sia in napoletano che in italiano, tanto è vero che ha circa quarant’anni la poesia premiata il 24 settembre scorso a Salerno, O’ tiempo passa e nun t’aspetta.

img-20160925-wa0008

Per Alfredo è stato un bel momento la premiazione ottenuta al  concorso nazionale di poesia “Spiga di grano”, organizzato dall’Associazione culturale e sportiva Colline di Giovi di Salerno col patrocinio del comune e alla sua seconda edizione.

E non solo per gli applausi del pubblico dopo averla letta, ma anche, e forse principalmente, perché la sua poesia, nonostante l’età, è statabsentita ancora molto attuale tanto che la giuria l’ha evidenziato  nella motivazione: Un messaggio ineludibile per la gioventù odierna

Il tema classico dello scorrere del tempo e del vivere la vita intensamente perché domani sarebbe troppo tardi per fare quello che dovremmo e potremmo fare oggi,  sviluppato nelle sue diverse implicazioni – dall’invito a non abbandonarsi alla pigrizia o all’abulia al monito che viene dalla vecchiaia – assume la forma dell’invito giocoso e la lingua napoletana ne è strumento e sostanza.

img-20160926-wa0004

Per Alfredo   non è una novità  essere premiato ad un concorso di poesie, visto che nel 2006 ha vinto al concorso Vitruvio,  concorso internazionale organizzato dall’Associazione culturale Salentina Vitruvio, e la sua poesia, Navigante Amore, è stata inserita anche nell’antologia di poeti contemporanei “L’eco del vento”,  edita da Pagine di Roma.

Ma  O’ tiempo passa e nun t’aspetta aveva già vinto, qualche anno fa, in un altro concorso sul blog di Carmelo Cossa, dove era stata la poesia più cliccata.

img-20160926-wa0001

Quindi, qualche speranza  di piazzarsi ai primissimi posti l’aveva, ma è stata pur sempre una sorpresa… Tra l’altro, adducendo la necessità di dover ripartire presto da Salerno, è stato chiamato sul palco prima degli altri ed ha potuto leggere la sua poesia ad un pubblico ancora attento e non stanco che, come già detto, l’ha applaudito con convinzione.

 

‘O tiempe passa e nun t’aspetta 

Che faje tu sule nè? Curre, zompa, vola!

Tiene vint’anne e mentre ce staje penzanne è già passato n’anno, e nun t’o siente n’coppa ‘e spalle?

Va’, curre, zompa, vola! ’O tiempe passa e nun t’aspetta!

Ma’ che faje, staje ancora a sunna’ cu’ ll’uocchie apierte e nun t’accuorge ca si tu ’o primme attore,
’o protagonista d’a vita toja ?

Da che ’o munno è munno, ’o tiempo passa storia, e ’a storia ’a fanno e’ protagoniste!

Tu, invece, staje sempe arrete ’e quinte, e guarde ’a platea e ’o palcoscenico, e ogni tanto, faje ’a cumparsa,
e raramente ’o primm’ attore.

Forse è overe, ca ognuno ’e nuje tene ’nu destine, però, fa’ comme fa ’a furmica, ca pe’ quanne è peccerella,
pure se fa senti’, si te dà ’nu muorze.

Haje ragione, a chistu munne nun ce sta cchiù ammore, umanità, ma sule guaje, sofferenza e morte.

E allora… pienze pe’ te, nun essere triste, si’ ancora giovane, curre! zompa! vola!

Ma statte accorte, ca ’sta vita è comme a ’nu suonne, e quanne te scite, nun t’accuorge ca si’ viecchie e malandato,
e mo’ ca vulisse correre, zumpa’ e vula’, vide ca ’o tiempo è passato e nun po’ cchiù turna’.


Autore :
Alfredo Scotti, Via S. Maria, 43 – 04027- PONZA (LT).

 

Complimenti ad Alfredo! Sarebbe il caso di essere meno ritroso e di farci conoscere anche altre sue poesie.

img-20160926-wa0003

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.