Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-r i-27 scotti-a-bis q-01 m1-6 60

Fuga coraggiosa

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
nooo-sang

 

Sang’ ’i Retunne – Grande Giggino, sei diventato famoso.
Giggino – Chi io?

SR – Scusa, ma perché qua quanti Giggino ci sono?
Gg – Uggesù, sul’io.

SR – E allora si’ tu ’u famoso.
Gg – Guarda che ti sbagli! Ringraziann’a Dio mi piace a mangia’, è vero, ma nun songh’ propio fammoso. ’Na via ’i miezz’.

SR – Giggi’, ma ch’è capito? Famoso per dire noto, importante, conosciuto insomma. Mo’ t’accanoscene tutti quanti.
Gg – A sì? E pecchè?

SR – E perché hanno scritto un libro sano sano su di te.
Gg – Nient’i’meno? E chi è stato ’stu fetent’i merda?

SR – Ma comme Giggi’ non sei contento? Ora tutti sanno i fatti tuoi.
Gg – Ah! …E avessa pure esse cuntènt’? Ma te pare ’na cosa iusta che mo’ ’a gente adda sapè i cazzi miei. Ma guard’a chiste!

SR – Ma sono cose simpatiche, fanno divertire la gente che li legge.
Gg – Essì, mo’ so addiventate ’u pullecenella d’a situazzione. Scuorne scuooo! Sa’ mo’ ch’u vvene a sape’ Assuntina…

SR – Guarda che non c’è proprio niente da vergognarsi: se uno è fatto così e ogni tanto combina qualche cosa che non va, è giusto che si sappia. Così la gente prende esempio e non fa gli stessi errori.
Gg – E io faccio l’esempio? Ma famm’accapi’, hanno scritto pure chelle che penze e dico ’i chisticcà?

SR – E certamente!!  Hanno scritto proprio tutto. ’Na meraviglia.
Gg – Ma vide tu! Uno nun po’ sta tranquillo manco ’ncopp’u Scoglie Russe. Chiù uno se fa i fatte suoi e chiù ’a gent se ’mpiccia. Che razzaccia ’i cafune che simme.

SR – E daiiii, ne stai facendo una tragedia. Che vuoi che succeda? Figurati che per comparare il libro la gente si sta prenotando.
Gg – Aggio capito tutte cose! Ccà ce vo’ ’n’azzione ’i curaggie, sinnò va a furnì a schifìo.

(Qualche giorno dopo)

SR – Giggi’, ma che so’ ’sti scatulune? Addo’ l’hea purtà?
Gg – Parto! Cambio aria. Cca sinnò aggi’accide a cocchedune.

SR – Nientedimeno te ne scappi? E questo è il tuo coraggio?
Gg – ’Uagliòoo… scappa’ sarrà vigliaccaria, ma è salvamient’i pelle. E’ chiaro?

SR – E dove vai?
Gg – E bell’aisso! Accussì scrivono pure cheste ’ngopp’a chillu cazz’i libbre ’i chi l’è mmuorte.

SR  – Te ne vaie a Zannone, dimme ’a verità.
Gg – Macchè !! Auànn’ Zannone è troppo trafficato.

SR – Ma ccà dinte che tiene? Uggesù, sette fucile? E ch’he fa’?
Gg – Pe’ passà ‘u tiempe. Sai cumm’è?

SR – Matooo, e ccà?
Gg – ’U ppoch’i di munizzionamento: ’nu quintale ’i cartucce! Tanti vote passasse cocche marevizze.

SR – Dai, a me però ’u può dicere addo’ vaie, ti prometto che non lo dico nemmeno ad Assuntina.
Gg – Me ne scappe ‘ngopp’u scoglio d’a Votte. Là voglio vede’ chi me trove.

SR – Alla faccia! Massimo isolamento.
Gg – E ’u primmo che s’avvicina, è ’uerra. ’U vott’ a funne.

SR – E chist’ che è, ’nu cess’i plastica? Te si fettute pure chisto? Ma cosa ci devi fare?
Gg – Ma cierto che si propiete strano tu!  Che se po’ ffa cu’ ’nu cesse? I’ a’ mmattina devo stare comodo e là comme faccio?

SR – E chest’i buttiglie? Che è vino?
Gg – No no che vino! È rum.

SR – E da quanto in qua tu bevi rum?
Gg – Nunn’è pe’ mme… nunn’è pe me!! Tanta’i vvote me tenessa truva’ Isso, m’aggia difende o no?

SR – Uggiesù, chist’è scemo! In che modo ti difendi? Ma che vulisse passa’ ’nu guaio?
Gg – Stai tranquillo, songh’ butteglie c’a matricola abbrasa.

venerdi-pesce-copia-tutti-usi

 

Il Redattore Capo ce lo ha comunicato giovedì mattina senza nessuna delicatezza, com’è nel suo stile: “Sang’ ci lascia, venerdì 16 esce il suo ultimo pezzo”.
Si sono susseguite le frasi di circostanza ma nessuna è apparsa adeguata.
“Sono sempre i migliori che se ne vanno”: trattandosi di Giggino, non è il caso.
“Finisce un pezzo della storia di Ponza”: perché, quella degli ultimi anni sarebbe storia?
“Era tanto bello, era tanto bravo…”: ma lo avete visto bene, con quelle scaglie ammaccate e l’occhio da pesce lesso?
“Le mennelle affrante ne danno il triste annuncio”: macché! Il Redattore Capo precisa che Sang’ non defunge, i mali pesci al pari della mala erba non muoiono mai; il Nostro si limita ad emigrare sulla Botte insieme alle bandiere nazionali (il cesso di plastica, la bottiglia di rum con matricola abrasa), vessilli identitari di cui non potrebbe più fare a meno.
Buon viaggio, Sang’. Ci mancherai, ogni venerdì. Prima o poi due commedianti coraggiosi reciteranno le tue scenette, su un palchetto dietro la Caletta o sopra il lanternino e tutta Ponza sarà lì, a ridere e a divertirsi…

Ciorta e fortuna dai tuoi amici di Ponzaracconta.

psico-retunno

naomi

sfondo-porto

 

16/09 – Immagine e commento postati da Rita Bosso

greenpeace

Sang’..! Pure Greenpeace se n’è accorta!

pluto-retail

faro-col-libro

Condividi questo articolo

3 commenti per Fuga coraggiosa

Devi essere collegato per poter inserire un commento.