Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0014-014 p18-1-di-4 vic ernesto-a 80 84

Il porto di Cala del… Vino

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

Miracolo di cana

 

Giggino – Caro amico, si va verso il futuro…… tu invece, studia stuuu… che tanto semp’ignorante riést’.
Sang’ ’i Retunne – Ecco, nella mia ignoranza vorrei capire verso che tipo di futuro andiamo. Cosa sarà mai questo futuro?

Gg – Uggiesù, ’u feture è ’na cosa ch’adda ancora arriva’…. Comme’i retunne e i rezze: un’i mètte a mmare e po’ i pisce cie vann’ ainde… in futuro..!
SR – A sì? E si’ proprio sicuro che ’sti pisce poi cre vanne ’ndi rezze? …in futuro?

Gg – Certe che si’ propie ’na seccia nera. Arrassesi’..!
SR – Giggi’, è una probabilità o no? La stessa cosa può succedere con il futuro. A vote sì e a vote no.

Gg – Comme? Uno po’ fa’ cappotto comm’i rezze?
SR –  Certamente.

Gg – Allora ce conviene controlla’ bbuone cuòrciele e chiumme: cca’ abbastane i cappuotte che già avimm’avute..
SR – Ma perché, questo ipotetico futuro veramente dipende dalle reti?

Gg – No, ma è meglio ch’i controllamme.
SR – Giggi’, delle volte faccio veramente fatica a capire cosa ti gira in mente.

Gg – E chille nunn’è corpa toia si i cervelle nun t’u portene.
SR – Si si vabbuo’! Intanto non mi hai detto in che futuro speri…

Gg – Il futuro di tutti noi, però esclusi i punzise-frastieri che sanne fa’ sule chiacchiere.
SR – A sì? Perché tu invece faresti i fatti?

Gg – E certamente. Pecché tieni i tubbi?
SR – No no, i rubinetti.

Gg – Presempio, quanta vote ci avite pigliate pe’ culo ’ncopp’u puòrt’?
SR – Io mai. Non mi risulta che io abbia mai fatto parola sulla questione.

Gg – See see maie! I’ saccie ch’he penzato: “Ma chiste mo’ che cazze vonne? …Che cazz’hanna fa cu’ nu’ puorte i Fforne, ’sti quatte scieme coreani che tenene quatte varche scassate? Se facessene ’na cultura primm’i fa’ gli imprenditori!”.
SR – Ma tu che ne sai dei miei pensieri? Sei proprio sicuro che penso queste cose?

Gg – Tengh’ i miei informatori in alto, mooolto in alto. Saccie tuttecose! E perciò saccie pure che penzene i punzise-frastiére ’gnurante e scassacazze cumm’è te.
SR – Essì, è arrivato ’u Pataterno, che sape tuttecose. Ma va va!

Gg – Tu è inutile che fai ’u spiritoso: nuie stamm’ in buoni rapporti c’u Patatèrn’. Ottimi direi! Tenimme canuscenze con un suo portaborsellino. È chiaro?
SR – A sì? Quindi avete pure la possibilità di prenotare miracoli?

Gg – Azz! …no?
SR – Ma va va. È mai possibile che abboccate all’amo di chiunque viene da fuori a dirvi cazzate e invece siete diffidenti con chi vi sta vicino?

Gg – E tu ce vuo’ scummette ch’u miracule d’u purte se farrà? A’ faccia toia e ’i chi seccia cumm’è te.
SR – Ecco, giusto con un miracolo si può fare quel porto.

Gg – Sarrà ’nu grande miracule! Comme quand’ all’acqua è addeventata vino. E so’ sorde.
SR – Come  a Cana?

Gg – Essì, propiete ’na cana ha ditte che si ’u puòrte nun se fa, Cala dell’Acqua addeventa Cala del Vino… Almeno cu’ chilli sorde ce faccimme ’na bella ’mbriacata a’ faccia vosta… E chi s’è visto s’è visto!

Venerdì pesce copia Tutti usi

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.