Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ep-03 u-28 v4-6a 96a carta-galite la-galite

Da Ventotene a Casamicciola: quanto è lontana l’Europa! (2)

Condividi questo articolo

di Giuseppe Mazzella di Rurillo
Noi senza patria di Ursula Hirschmann

per la prima parte, leggi qui

.

Oggi c’è bisogno proprio di questo: “pensare pulito” cioè riscoprire una onestà intellettuale ed agire ovunque con Onestà; “ebbrezza della creazione politica” cioè fare politica con la voglia e la volontà di fare quello che non si è mai fatto e pure è urgente ed inevitabile fare; “fremito nell’ apparire delle cose impossibili” e cioè a prima vista le cose sembrano impossibili ma se andiamo nel fondo delle cose stesse vediamo che queste si possono e si debbono fare.

Spinelli con le sue ceneri ed il suo esempio di vita ci riporta ad una società di Idee e Valori praticabili in questo Continente. Ha avuto intuizioni straordinarie ed una vita straordinaria.
E come spesso accade, accanto ai Grandi Uomini c’è sempre una Grande Donna.

La vita tempestosa di Ursula Hirschmann (1913-1991), moglie prima di Eugenio Colorni e poi di Altiero Spinelli e madre di 6 figlie, 3 da Eugenio e 3 da Altiero, è da lei stessa raccontata nel suo libro “Noi senzapatria” (Il Mulino; 1993).
È un libro di Memorie incompiuto. Si ferma al 1975 quando Ursula fu colpita da emorragia celebrale con la perdita della capacità di parola e di scrittura. Ha vissuto gli ultimi 16 anni di vita in questo stato.

Ursula Hirschmann

All’inizio del suo libro di memorie dice “di non avere nemmeno più una lingua a sua disposizione” perché “l’italiano gli è rimasto sempre estraneo”, mentre la sua lingua madre, il tedesco, “l’ha perso”; quindi non si sente italiana, né tedesca, né ebrea. Così ha capito che per lei è “così facile essere “europea”.

L’ Europa a Casamicciola
Se parti in barca da Ventotene di pomeriggio hai il maestrale di poppa. La navigazione è dolce. Le rovine del carcere dell’isolotto di Santo Stefano sono imponenti. Da 50 anni si punta sulla riutilizzazione dell’ex-carcere per il rilancio civile di Ventotene.

Stavolta c’è l’impegno del Governo di ristrutturare il carcere di Santo Stefano e di farne un grande centro universitario europeo.
Ventotene sarà l’isola d’Europa.

L’Europa non si fa senza la Cultura. Le nuove generazioni sentono e vivono l’Europa perché hanno cominciato a girare con i programmi Erasmus nei 27 Paesi. Parlano una o due lingue “straniere” – l’inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo, il portoghese – e studiano la Storia di questi Paesi ed alla fine si sentono “europei”.
Cominciano ad avere una “Patria” molto più grande. Ursula lo capirebbe. Angela lo sa.

A Casamicciola, dove vivo, è molto più difficile essere “europei”. Dobbiamo fare una battaglia civile per avere il rispetto della destinazione d’uso del Palazzo Manzoni per le scuole elementari come ci è dovuto; per permettere lo studio in un ambiente decente a 150 bambini. Il Comitato dei Genitori presieduto da Francesca D’Abundo, un gruppo di “mamme coraggiose”, ha già raccolto 1000 firme.
Abbiamo un sindaco ed una classe politica che non meritano la dignità della polemica.

Casamicciola. Il palazzo delle scuole oggiCasamicciola. Il palazzo delle scuole, oggi

Non finisce qui: dobbiamo fare un’altra battaglia perché il sindaco G.B. Castagna ha comunicato alla Preside dell’Istituto “ Ibsen”, prof.ssa Mariella Allocca, che il Comune “non provvederà ad affidare il servizio mensa scolastica”. Non spiega perché.

Il Comune viene meno ad un suo dovere di Istituto pur essendo la mensa a totale carico dei genitori. In tutta Italia la mensa dei bambini è gestita dal Comune. È un compito istituzionale. In tutti i Comuni d’Italia il Comune “partecipa” al costo del pasto aiutando le famiglie secondo il reddito. Evidentemente il Comune – attraverso il suo funzionario – non vuole prendersi la responsabilità della “stazione appaltante” o il sindaco vuole fare un dispetto alla Preside.

Dovrebbe intervenire il Prefetto con i poteri sostitutivi o mandare a casa il sindaco con tutta la giunta ed il consiglio per DICHIARATA indisponibilità o incapacità all’esercizio di un compito d’istituto.

Ma la Repubblica Italiana e l’Unione Europea esistono a Casamicciola?

Nonostante tutto il mio nipotino di sei anni, che quest’anno farà la seconda, ha cominciato a studiare l’inglese. Sa cantare perfino Jingle Bells.
La barbarie non vincerà.
Casamicciola, 23 agosto 2016

[Da Ventotene a Casamicciola: quanto è lontana l’Europa! (2) – Fine]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.