Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-8 pg ss23 68a hp0049 antonio_darco

L’estate dei cappotti

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Francobollo dedicato allo sci nordico

 

Giggino – Caro amico mio, chesta è ’na staggione fredda assaieee!
Sang’ ’i Retunne  – Giggi’, a me non mi pare che sia così fredda. Anzi…

Gg – A no? Sicondo te nun fa fridde?
SR – Uggesù, ma perché tu senti freddo?

Gg – I’ nun senche mai né fridde e né caude, i’ songh’ superiore a cierti cazzate cafonesche.
SR – See see Superman. E allora come puoi dirlo che fa freddo? Da dove ti esce questa cosa stamattina?

GgUno che tene fridde che fa? Si spoglia o si veste?
SR – Ma che domande fai? Se fa freddo uno si copre.

Gg E qua è da giugno che si coprono pesante. Come te lo spieghi?
SR – Si coprono pesante? In che occasione?

Gg – Quando si organizza qualcosa che poi non funziona e la gente non partecipa come si dice?
SR – O mamma mia e mo’ che c’entra questo?

Gg – Tu rispunn’a mme: comme se dice?
SR – Si dice che ha fatto “cappotto”.

Gg – Ecco qua! Uno pecchè fa i cappotti? Perché fa freddo!
SR – Ma è solo un modo di dire, non significa che fa freddo.

Gg – A sì? Arricuòrdete che i viecchie antiche nun sbagliavene mai. Si uno fa i cappotte significa che fa fridde, pure si è staggione. È chiaro?
SR – Giggi’, ma questa è solo una tua teoria. E poi non ho capito bene dove ci sarebbero stati tutti questi cappotti.

Gg – Azz, e so’ dumande ’a fa’? Ccà so’ quatt’anne che se fanne cappuotte, sciarpe e se mettene pure cappielle ncopp’i cap ’i’llate.
SR – Ma dove?

Gg – Feste ’i ballo senza ballerini, balli c’a scumma senza scummatizzati, spettacolo ch’i segge senza gente. Hai voglia tu!
SR – Ma scusa, con chi te la vuoi prendere se la gente non partecipa? La colpa è dei soliti indolenti cafoni ponzesi come te, non di chi organizza e spende soldi pubblici.

Gg – E perciò… vist’ tutte ’sti cappuotte pesante, stamm’ organizzann’ nuie ’na cosa bell’assaie. ’Na cosa che attirerà il turismo: sarà un grande sul-cesso ’nternazzionale. Ate che Vintutene..!
SR – A sì? Un grande successo? E come?

Gg – Cu ’nu grande trampolin’i lancio.
SR – Un trampolino? Fammi capire.

Gg – Hamme proggettato ’nu trampolino ’i lancio olimpionico da neve e sci: da ’ngopp’a Guardia a scivolo fin’abbasci’ù Fieno. Cu’ ’nu zompe une arriv’ a Palmarola. E’ una cosa origginale che attirarrà assaie. ’A gente sarrà cuntenta e si non partecipa ’a cacciamme a cauce ’ngulo.
SR – Giggi’, ma che cazz’ dici? Fusse asciute pazz’? Gli sci a Ponza? E ’a neve addò ’a pigli?

Gg – Hai voglia! …cu’ tutta ’a neve che ce rimane ’nda sacca!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.