Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

bp v4-11a scotti-e-bis t6-24 pescatori-spiaggia Una delicata colonia di idrozoi

Omaggio ad Altiero Spinelli

Condividi questo articolo

di Silverio Lamonica
Omaggio a Spinelli

 

La televisione italiana ha  mandato in onda la cronaca del summit a Ventotene tra la Merkel, Renzi ed Hollande e il momento più significativo è stato l’omaggio dei tre capi di governo alla tomba di Altiero Spinelli a Ventotene. Poi è seguito lo sceneggiato della RAI sulla vicenda confinaria del grande uomo politico.

Ma è questa l’Europa che sognava l’indomabile Altiero? Cerchiamo di interpretarne il pensiero che, data la lunga permanenza a Ventotene e il grande affetto per quell’isola, esprimerebbe senz’altro nel nostro (e suo) dialetto, con le consuete espressioni colorite.

 

Omaggio ad Altiero

 

Quanne Altiero sentette chelli voce

vicin’a tomba soia, a Vientutene

se ricurdaie ’i tutte chelli ppene

pecché ’u fascismo ’u mettette ’ncroce.

 

Di Fransuà, Matteo, ‘Ngiulina era doce

’a parlantina: “Nuie vulimme ’u bbene

della tua Europa e ’u riesto appriesse vene,

o caro Altiero e simme già a la foce!”

 

“Ma quala foce! Vuie avite accise

la mia Europa che solidale era –

sbuttaie Altiero – e mo’ l’avite appise

 

’n’da na puteca ’i quacche ‘ntrallazzera,

cu l’euro e ’u spred mo’ fa’ ’u bisinisse!

Tenite facce e culo una manera!

 

Di Silverio Lamonica. In condivisione con www.buongiornolatina.it

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.