Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0027-027 p-17 mariano-04 96a sl372221 Un rimorchiatore rimesso a nuovo

Un altro mare (3). Le bon manger

Condividi questo articolo

di Sandro Russo

 

Tra le cose divertenti dei viaggi c’è anche quella di mettere a confronto le proprie consolidate conoscenze e abitudini alimentari con quelle del paese ospite.

Un isolano naturalmente ‘si picca’ di conoscere i prodotti del mare e irresistibilmente è attratto dai mercati di pesce e, qui, di coquillage.
E alla Bretagna bisogna fare tanto di cappello – chapeau! – per le prelibatezze che offre.

Non a caso le plateau de fruits de mer è un mito locale consolidato… Qualche anno fa, un centinaio di ristoratori della Bretagna ha firmato la “carta dell’autentico vassoio di frutti di mare bretone” per la composizione “di minima” del plateau.

E la prima impressione che emerge, ad una prima passeggiata per le vie di Saint Malo entre muros (dentro la cerchia dei bastioni difensivi settecenteschi che delimitano la città antica) è la visione di ristoranti all’aperto i cui clienti sono immersi in monumentali ‘scafaree’ di cozze (moules), oltre alle fantasiose composizioni di molluschi e crostacei cosparse di ghiaccio che occhieggiano dalle vetrine dei locali.

Plateau de fruits de mer

Ci sono ovviamente le ostriche (vedi in seguito), ma mancano le patelle; c’è il granchio (che qui chiamano crabe ‘dormeur’) e les bigorneaux (…i nostri rufoli); le vongole (les palourdes) da qualche parte saranno, e si vedono delle conchiglie piuttosto grandi che assomigliano alle nostre ‘tofelle’.
…Ma siamo ben lontani dall’aver ben approfondito la materia…

L’occasione per saperne di più viene da un’escursione ad un paese vicino St. Malo, Concale, santuario della ostricoltura…

Cancale. Gruppo bronzeo nella piazza di Calcale alta

Cancale. Gruppo bronzeo Le lavatrici di ostriche.2Scultura bronzea sulla piazza principale di Cancale alta: “Le lavatrici di ostriche”
 Chioschi di ostriche a CancaleBancarella a Cancale: vendita e degustazione delle ostriche

Colture di ostriche a Cancale.1

Colture di ostriche a Cancale.2Vivai di ostriche a Cancale

Huitre plates e creuses. Bis

Tipologia dell’offerta: per ogni varietà c’è poi la scelta tra le piccole, le medie e le grandi

Si scampa per fortuna ad una indigestione e il viaggio prosegue ‘discendendo’ (in termini cartografici) ancora la Bretagna e quindi lungo la costa atlantica della Francia, fino alla meta che ci si era prefissa: La Rochelle, unita con un ponte di 3 km su pilastri con l’Ile de Ré.

Google map. Bretagne
Google map della regione percorsa.
In alto, dopo St. Malo e Cancale c’è la rada di Mont St. Michel. In basso l’ile de Ré non è mostrata, data la scala della mappa, ma è proprio di fronte a La Rochelle (cliccare per ingrandire)

Notare sulla mappa, appartenente ancora al ‘corno’ della Bretagna: “Concarneau”.
Perché Concarneau? Perché vi hanno casa i genitori di Philippe D’Arco, amico nostro e di Ponzaracconta – Marie Vitiello e André D’Arco, il più vecchio ialdese (ex abitante de La Galite), con i suoi 94 anni portati benissimo… Leggi qui: Discendenza ponzese in Bretagna.

E così… Si arriva da Philippe giusto in orario per partecipare ad un pranzo luculliano con la sua numerosa ed allegra famiglia, con il patriarca André e la matriarca Marie, entrambi attivissimi, ed una serie infinita di portate, culminate nella presentazione di una granseola (araignée de mer in francese) appena sbollentata – ’u f’lön’ -, come dice Philippe nel suo italiano ponzese-galitese molto musicale che gli ascoltatori della sua conferenza su La Galite – a Ponza, nel giugno 2012 – certo ricorderanno (leggi qui e qui).

Ma la ciliegina sulla torta, come si dice – dopo i numerosi dolci e gelati portati a tavola – è stata la scoperta di una ricca fioritura di garofani di San Silverio, a partire dagli schiuopp’ che io stesso gli diedi, in occasione della sua venuta a Ponza, quattro anni fa, ormai.

Philippe.1

Philippe.2

Riecco Ponza, San Silverio e i suoi fiori a centinaia di chilometri di distanza. I garofani erano fioriti al tempo della foto, alla fine di luglio, più di un mese dopo di quelli dell’isola. ma indubitabilmente sulla stessa lunghezza d’onda!

Grandi saluti e abbracci e promesse di rivedersi presto, magari per più giorni e per andare a pesca insieme, su “un altro mare”, appunto..!

Qualche giorno dopo mi è arrivata questa foto da Philippe con la didascalia: “Lunedì 8 agosto: pescato oggi, 0,75 Kg!”

La pesca di Philippe

Al che ho rilanciato con questa foto:

Blue lobster

…Ovviamente Philippe non l’avrei mai conosciuto senza Ponzaracconta!

ile-de-re. Ponte

Infine qualche giorno all’île de Ré, – molto più grande di Ponza, 85 km2 contro i 7,5 della nostra – il paradiso delle biciclette… con le maree (anche là!), il faro delle Balene e tutto il resto…

Ma non è più Bretagna, bensì Dipartimento della Charente maritime (appartenente alla regione Nouvelle Aquitaine – la nomenclatura delle Regioni in Francia è cambiata di recente, tanto che non ci capiscono più niente neanche loro…  Chest’è!

***

Insomma, questa Bretagna… È stata una scoperta a più livelli, di cui quello gastronomico per niente trascurabile… Perché non si è parlato delle gallettes (gallettes sarrasin, sorta di crêpes per preparazioni salate in cui l’ingrediente base è il grano saraceno), l’agnello dei pascoli salati intorno a Mont St. Michel e il sidro, le cidre (il vino di mele che al suo meglio somiglia a uno spumante del Fieno particolarmente dolce!)…

Gallette sarrasin

Cidre

Cartello fuori da a una macelleriaCartello pubblicitario fuori da una macelleria

 ***

Però è vero che durante i viaggi, uno Ponza se la porta nel cuore… Come non ricordarsi de “l’amato scoglio”, con un tuffo al cuore, davanti a scene così?

Trenino lillipuziano a St MaloIl trenino lillipuziano di St. Malo

Rhumerie a St BrieucUna rhumerie a St. Brieuc

 

Un altro mare (3). Le bon manger – Fine

Per la prima puntata leggi qui: Un altro mare (1) – Le maree
Per la seconda puntata leggi qui: Un altro mare (2) – I fari della Bretagna

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.