Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0025-025 f-ab corrida la-galite-2009 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato Immagini storiche di Ponza

L’isola con la monnezza neutrale

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
The great Pacific garbage patch

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ho saputo che stai organizzando un evento turistico speciale.
Giggino – Nunn’accummenciamm’a seccia’, eh! …cca vento non ne deve fare sinnò fallisce tutte cose.

SR  – Ma che cazz’he capito? Evento per dire organizzazione, momento culturale e di svago. ’Na cosa ’i cheste.
Gg – Lascia sta i monumenti addò stanne, cca ’a pulitica nun c’entra. E’ chiaro?

SR – Vabbuò. Lasciamo stare, che è meglio..! Però dimmi che stai facendo…
Gg – Visto che Malometto non va alla montagna, Malometto se ne va al mare.

SR – Giggi’ il detto non è proprio così, ma ho capito quello che intendi. E allora?
Gg – Sicondo te, ’a gente pecché ven’a Ponza?

SR – Innanzitutto per il mare e le bellezze naturali.
Gg – ’U mare ce sta, he voglia..! 

SR – E le bellezze no?
Gg – Chelle pure ce stanne, ma so’ comm’u tesoro’i San Gennaro: se vede ma nun se tocca.

SR – A sì? Ma non mi pare proprio…
Gg – A no? E tu prova a t’accusta’ ’u Félece e vide che te succede.

SR – Azz! E chi me ferm’a mme, l’isola è ’a mia.
Gg – ’Uaglio’, l’isola “era” ’a toia. Mo’ è ’a “soia”.

SR – Sai che ti dico? ’A colpa è tua e ’i chille comm’e te: ma lasciamo perdere altrimenti va a furni’ male.
Gg – A questo punto me s’è appicciata ’na lampara ’i ggenio.

SR – See see… ’nu faro!
Gg – Aggi’acchiappate tutt’i suvarelle , tavulùne, cummò viecchie, cascette, cupertune, scaldabagne viecchie, frigoriferi scassate, ciess’i plastica, trenini lillipuzzosi e aggio fatto ’na genialità geniale assaie: sa’ i sorde, ch’arrivene!

SR – ’A genialità? Ch’i tavulùne , i suvarelle e munnezza di ogni genere? Che devi fare un falò?
Gg – No no, aggia fa’ un’isola.

SR – Un’isola… d’a munnezza?
Gg – No, caro professore dei miei papusci… l’isola c’a munnezza.

SR – Ma chisto è a’sciuto pazz’! ’N’isola che galleggia ’ngopp’a munnezza?
Gg – Propretamente: accussì quando fa levante l’aggiro di ponente e quando fa ’u punente l’aggiro di levante.

SR – Azz! Ma accussì fa sempe bontiemp’i Forne e sempe maletiémp’ u’ puort’? Mica mi pare giusto..!
Gg –  ’Uaglio’, è arrivat’u mument’ d’i coreani e d’i zarrisi: la monnezza indifferenziata sarà il nostro futuro. E’ chiaro?

SR – Come no, chiarissimo, non avevo dubbi.

(Qualche tempo dopo)

SR – Giggi’, e allora… il tuo progetto di isola con la munnezza galleggiante?
Gg – Comme tutt’i ccose d’i Forne è fallito! Stamme arruinate. Simme nate c’a scarogna ’ncuòll’.

SR – Non avete trovato materiale a sufficienza?
Gg – No no… ’i munnezza c’è n’è in abbondanza: hai voglia tu..! Ce simme appecciecate ’ngopp’ ’a pulitica.

SR – Addirittura. ’A politica pure c’a munnezza?
Gg – Essì, ce simme appecciecate ngopp’u scoglie russo …Mazzate a muri’!

SR – ’Ngopp’u scoglie russo?
Gg – Sì, zi’ Michele ’u vuleve fa tale e quale, c’u stesse nomme, ma cierti zìmbere ’i vasci’u puort’ hanno ditt’ che i russ’ communiste so’ fernute  e ’u nomme iust’ è  “Scoglio Svizzero”.

SR – Scoglio Svizzero? E pecchè?
Gg – Pecché oggi come oggi ccà è meglio a rimane’ neutrale: capisci’a mme!

Venerdì pesce copia Tutti usi

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.