Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_13-58-41 g-02 l-10 corrida15 scansione0005 giuseppe-vitiello

Fuoco di paglia di pagliariccio ’mpagliato

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
Pagliarella per pergolato

 

Giggino – Mi sench’ tutte all’osse scassate. Secondo te che po’ esse?
Sang’ ’i Retunne – Dipende.

Gg – Ma è mai possibile che ’ngopp’a tutt’i dumande che te faccie, tiene sempe cocche dubbio?
SR – Giggi’, ccà sicura è sul’a morte. Quali sono queste ossa che ti fanno male?

Gg – Allora… Chelle d’i rine, chelle d’u culo, chelle d’i cianche, chelle d’u cuollo, chelle d’i coscie, chelle…
SR – Eeee! Madonna santa, ma si’ tutte ’nu dulore? He fatte cocche sfuorze?

Gg – No-hò. I’ ’a staggione stongh’ attiente a nun fa’ nisciunu sfuorze… ’i faccie fa’. E che so’ fesse io?
SR – E ccerto. Che si’ fess? Allora potrebbe essere l’umidità che hai preso quest’inverno.

Gg – Ma quanne maie!? Aggio abbruciato ’nu munton’ i munnezza pe’ me scarfa’. Noo… nunn’è l’ummidità.
SR – E allora può essere che hai dormito male.

Gg – Essì, cheste po’ esse.
SR – Che materasso usi? Quello con le molle?

Gg – Noo, macchè molle! Quello con la paglia.
SR – Giggi’ …e che ce stanne ancore i matarazze c’a paglia?

Gg – Essi’. Pe’ risparmia’ m’avevene ditte che cunvenevene chiù  c’a paglia.
SR – Perché, invece non conviene?

Gg – Macchè, ’na fregatura mai vista! Chella pagliarella m’è custata n’uocchio d’a capa, è troppa moscia e m’ha scassate  tutt’all’osse.
SR – Ma allora è chiaro: t’hanno futtute. Che paglia è?

Gg – Nunn’u ssaccio manche. Chille ci’ha penzate ’n’amich’ ’mbriacone ’i zi’ Marietta. Aveva ditto che era paglia bbona, ’i pagliare frastieri. E chi s’u’mmaginava che invece era slavata, moscia, secca e chién’i tarle?
SR – Ma dico io, cu’ tantu paliere fràcete che tenimme cca’, c’era bisogno d’a paglia frastèra?

Gg – Ma tu che vuo’ ’a me? Nuie cie facimm’arravuglià d’u primme strunze che sbarca…
SR – Allora, secondo me, dovresti cambiare subito il materasso e lascia’ perde i sbreglie!.

Gg – Mo no! A gennaio faccio il grande cambiamento.
SR – A gennaio? E tu suppuòrte che ’sta pagliarella t’accide ’a salute fino a gennaio?

Gg – Primme nun pozzo, aggie pigliate ’n impegno scritto.
SR – Ti sei impegnato pure per i materassi?

Gg – Aggie prummise ’a paglia d’i matarazze ’mpagliate.
SR – Fai affari con tutto, eh? …pure con le fregature? Mo’ a chi la devi ammollare ’sta robbaccia?

Gg – L’aggia prummisse a cierti frastieri amici d’u prevete: chille d’i miracule impossibili.
SR – A sì? Che ci devono fare? …una pagliarella per il sole?

Gg – No no, nunn’è bona manco a chell’. L’appicciano pe’ se scauda’, a’ u paese alloro fa fridde assaie.
SR – Mamma mia e che è ’stu poste?

Gg – M’ha ditte zi’ Michele che chisti’ccà stanno ’nguaiate malamente: se vesteno ch’i pell’i ciuccie e tènene tutt’i corne ’ngapa.
SR – Giggi’, ma che fòssene, barbari? Le famose popolazioni del “mondo di sopra”?

Gg – Nunn’u saccio si so’ parienti a Barbara d’i Scuotte di sopra, saccio sule che quann’ parlene nunn’i ccapisco. Songh’ sgraziate, strèveze e pure veziuse.

Venerdì pesce copia Tutti usi

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.