Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

dc e-09 f8-18a v7-20 l-06 carnevale-1970

Caro turco ti scrivo…

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
scrivere

 

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, addo’ he i’ vestute accussì  buone?
Gg – Aggia fa’ ’na cosa assaie importante.

SR – Devi comparire?
Gg – No no, io nun tengh’ chiù cause, l’aggia perse tutte quante! …finalmente me so’ libberato.

SR – Non intendevo comparizione in tribunale. Insomma ch’he fa?
Gg – Devo scrivere una lettera.

SR – Azz! E tu pe’ scrive ’na lettera te vieste buone?
Gg – E ciertamente. Dipende ’a chi uno scrive. A te, presempio, te scrivess’ ch’i mutande.

SR – E te pareva! Hai sempre un occhio di riguardo per me… metti alla prova la mia amicizia. Cocche vot’i chesta te mann’ a’ffanculo.
Gg – Aggia scrive ’na lettera al comandante supremo di tutte le cose visibili ed invisibili, di tutte le cose dentro e fuori le cisterne parioline, ’i tutt’i cose ’ncopp’e abbascio ’u mamozio, dint’e fore i rettune, fore e dinte i ciess’i plastica, ’nderra e a mare e ’ngopp’u scoglie russe….

SR – Giggi’, e chi matonn’è chisto?  ’Nu Pataterno?
Gg – ’I chiu’… ’i chiu’! ’U Patatern’ pe’ mette mane cca’, adda addumanda’ a Isso.

SR – Alla faccia!  E che gli devi scrivere?
Gg – Ci’aggia fa’ ’nu cazziatone. Qua le cose non vanno.

SR – Aah haa! Finalmente tiri fuori le palle con chi è potente.
Gg – Essì! Nun se ne po’ cchiù: mo’ abbasta.

SR – E sentiamo cosa gli vuoi scrivere.
Gg – Prima di tutto gli devo chiedere di risolvere il problema dei parcheggi.

SR – Giustissimo: uno che deve lavorare come fa?
Gg – Che me ne fott’ a me ’i chille che tènen’a fatica’? Saranne cazz’ d’i’llore.

SR – Giggi’, ma che cazz’ dice?
Gg – I’ aggia pute’ parcheggia’ sinò comme faccio a scenne pe’ ’uarda’ i turiste? È un mio diritto o no, guardare? ’Nu gelato uno addo’ se l’adda accatta’?

SR – Mah! E poi?
Gg – Po’ gli devo chiedere che deve fare circolare solo barche a remi: troppe burdell’ pe’ mare, ccà nun se accapisce chiù niente. Pe’ mare ce sta ’u levante senza vient’: te passene pe’ tutte parte, pure pe’ ’ngopp’a panza.

SR – Azz! Giggi’ sei diventato pure un ecologico? Da te non me lo sarei mai aspettato. Sei diventato un verde?
Gg – Ma qua’ verde, bianche e russe ’i chi te mmuorte: nun riesco a mena’ ’na suvarella. I muture me fanne fuie tutt’i piscie e Assuntina s’a piglia cu’ miche. Dice che nun saccio chiu’ pesca’.

SR – I pesci? Mah!
Gg – E poi la grande scostumatezza: è cosa ’i  i’ ’ndu cesse quatte, cinche e, cocche vote pure sei vote ’u iuorno?

SR – Adesso vuoi limitare pure i bisogni fisiologici? Giggi’, ma che dici? E perché mai?
Gg – Ma tu ’u ssaie quante ce costa sule ’na pesciatella?

SR – No! Quanto?
Gg – A cesterna adda purta’ all’acqua ’a Napule? Adda trafeca’ ’ndu deposito ’ngopp’u Schiavone? Quanta nafta ce vo’? Uno l’adda pumpa’ ’ndu serbatoie ’ngopp’allasteche? E ’a currente t’arregalano? E po’ he scaricà ’ndi fogne? E primm’i arriva’ a mare nun l’hanno ammacina’? E io pago!

SR – Giggi’, me staie avvelenne. E quale sarebbe la soluzione?
Gg – Chiederò al Supremo Sultano, comandante di tutti e di tutto, di mettere le gettoniere agli scarichi dei cessi. Ogni cacatella duie euro. Te faccio a’vvede’ che ccà che nun mangiano pe’ nun caca’, addeventeno tutte cacasicche.

SR – A me questa cosa mi sembra piuttosto offensiva. E poi?
Gg – E po’ ce vuless’ chiede ’i fa’ ’nu foglie ’i via a tutt’ ’sti strunz’ che sanno legge e scrive e che tènen’a capa chién’i chiacchiere. Cca avimma fatica’… cie n’abbasta uno che pensa e cummanne; tutt’allate s’hanno sta zitte. Se fa confusione e se sveglia chi dorme! È chiaro?

Venerdì pesce copia

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.