Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0043-043 i-25-bis v4-3 p-04 04 aricolo

Uomini di ieri e di oggi ed esperienze significative nella VI edizione del Premio Ponziano Benemerito

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

locandina ponziano benemerito

 

Mentre scriviamo è in pieno svolgimento una bella e affollata serata all’insegna della ponzianità: al Santa Domitilla l’associazione Calafelci conferisce i premi ai ponziani Benemeriti.
Il premio giunge alla sesta edizione; nato nel 2008, ha inteso omaggiare persone che “con lo spirito di sacrificio dei primi coloni borbonici”, hanno contribuito a migliorare le condizioni di vita in territori bellissimi ma di non facile fruizione.

La galleria dei benemeriti si arricchisce questa sera di sei nomi ed esperienze significative:
Andrea BIONDO, protagonista del rilancio delle lenticchie di Ventotene;

andrea%20biondo
Cooperativa BARCAIOLI PONZESI, ammirevole modello di laboriosa unità isolana;

Comm. Achille ONORATO, armatore di grande valore imprenditoriale e umano, mai dimentico delle sue radici. 1909- 2002 alla memoria.

Domencio PORZIO pioniere della cantieristica ponzese;

porzio%20domenico
Gennaro SILVESTRI pioniere di Ponza turistica. 1917-1965 alla memoria.

silvestri%20gennaro
SNAP srl – Società di Navigazione Arcipelago Ponziano – navigare al servizio delle popolazioni ponziane.

Calafelci, nell’edizione 2016, pone l’accento sui concetti di pionierismo ed associazionismo. Come una ginestra, ciascuno dei premiati è andato a insediarsi su un terreno deserto e difficile, ha prosperato e ha preparato il suolo per le coltivazioni successive.
Oppure, ed è il caso dell’associazione barcaioli, il settore prescelto era affatto innovativo ma è risultata vincente la formula della cooperativa, estranea alla mentalità isolana, individualista e non incline all’associazionismo.
Così come atipica è l’immagine di ponzesi che conferiscono premi ad altri ponzesi, nativi o d’adozione, ai quali riconoscono lungimiranza, capacità d’azione e un forte radicamento alle origini.
Lo stesso radicamento che ha espresso Vincenzo Onorato quando ha accolto con gioia la notizia dell’assegnazione del premio alla memoria del padre Achille e ha assicurato la sua presenza alla cerimonia svoltasi poco fa.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.