Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-03 v4-10a 14 65 Ctenoforo Bavosa africana: Parablennius pilicornis

Il turco svizzero

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
toto-un-turco-napoletano

.

Giggino – Tu che ssaie quase tutte cose, secondo te ccà stamm’ u’ssicure?
Sang’ ’i Retunne – E dipende da cosa.

Gg – Uggiesù, chist’è sceme! Uno o sta ’u sicuro o non sta ’u sicuro. Dimme chiuttost’ che nunn’u ssaie.
SR – Giggi’ tu he arraggiuna’..! Mi devi dire di che sicurezza parli. L’ultima volta che me lo hai chiesto era sui guardacaccia. Ti ricordi?

Gg – No no, mo’ nun me ne fotte cchiù niente. Ci’ aggio abbraso ’a matricula pure ’u cane: pirciò stongh’a posto. Mo’ po’ pescia’ addò vo’ isso.
SR – Hai abraso pure il cane?

Gg
– Mo’ vulev’assape’ si facimme ’a stessa fine d’i turcomanni.
SR – Giggi’, dei turchi: i turcomanni so’ n’ata razza.

Gg – E ’i ssaie tutte tu?
SR – È per essere precisi. Comunque la Turchia è lontana e qua stiamo al sicuro.

GgSecondo me te sbaglie.
SR – Dimmi perché. Da cosa lo deduci ?

Gg – A’iere me steve mangianne ’nu bell’ gielate assettate ngopp’ all’aulive, che uno vestuto ’a giannizzero m’ha alluccato…
SR – Una guardia? E che voleva?

GgE chi ’u ssape. Nun ci’aggie capito niente. Secondo me era turcomanno.
SR – E dalle..!  i turchi qua? Non è possibile!

Gg – See see, m’ha ditto Girotto: – Statt’accorto che chisti cca’ te fann’u servizzie”. Allora aggio pensato: – …E chiste turch’ songh’.
SR –  Ma no, ma no..! È mai possibile che vi fate sempre i film in testa?

Gg – Comme no! …po’ zi’ Michele, parlanno cu’ Assuntina, ha ditto che ccà cummanne ’u sultano. ’U sultano è o nunn’è turcomanno?
SR – E chi sarebbe questo sultano?

Gg – E ’u vuless’ sape’ pur’io, visto che ccà nun se po’ manco mangia’ ’nu gielate ’ngrazi’e Dio.
SR – Ecco bravo, se lo sai fammelo sapere.

(Qualche giorno dopo)

SR – ’A mato’! E che ti è successo? Hai il colpo della strega?
Gg – Lascieme sta’, nun me pozz’ manc’assettà, tante che me fanne male i ’marroite.

SR – A sì? E come mai?
Gg – ’A colpa è a toia. Laureato in ’gnorantità che nun si’ ate.

SR – Che avrei fatto?
Gg – Me steve mangianno ’nu bell’ gelato…

SR – ’N’ata’vota mo? Staie addeventanne ’na bomba. E allora?
GgS’è avvicinato ’nu giannizzero, stavota cu’ ’n’interprete stagionale.

SR – A sì? E cosa voleva?
Gg – Vuleva ca ce faceve vede’ ’u permesso ’i soggiorno! A mme!

SR – A te? Ma tu si’ ’i cca’.
Gg – E vaccéll’ a dice a ’sti quatte sciéme che nunn’ addistinguono ’nu cristiano ’a ’nu marrucchino. Io so’ scuro ’i fraffìmma, mica so’ niro ’i fabbrica.

SR – E allora?
Gg – Me s’ho ’ngazzato malamente e aggio accummenciato a’llucca’ comme ’nu pazzo: – Chi cazze te cummanne? ’I do’ cazze si’? Comme cazze parle? Chi cazze te paga?.

SR – Mamma mia! Un macello! E poi?
Gg – Ad un certo punto è sciuto d’a’rete ’u  trenine d’a ’mmunnezza, uno c’all’uocchi’i pazzo, tutte pelato e cu’ ’nu sicario mmocca e ha ditto: – Ueeee, cafone nero puzzolente, embè? So’ io, er sultano: che ci’hai da strilla’? Qua commanno tutto io e se me fai gira’ li cojoni te faccio interna’ a Centocelle, ha capito?.
E m’ha assettato a forza ’ngopp’a ’na butteglia ’i rum… vacanta, però!

Venerdì pesce copia

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.