Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

foto-0003 p-17 g-01 k2-22 carnevale-1970 corrida16

Madonna della Civita, cronaca virtuale della festa

Condividi questo articolo

di Luisa Guarino
Madonna della Civita.1

.

Mi dispiace che, con tutta la visibilità data a santi di ogni estrazione, legati all’isola e non, trasporti di reliquie, visite di statue da una chiesa all’altra, proprio la Madonna della Civita, la cui ricorrenza cadeva ieri, non sia stata neanche nominata sul nostro sito, proprio nell’anno del Giubileo della Misericordia e via dicendo, quando a fine giugno è stata portata a Ponza l’effigie conservata e venerata a Itri. Invece per la nostra Madonna della zona alta degli Scotti, in quella sua miniatura di chiesa che domina il mare, neanche una parola.

Eccomi dunque pronta a rimediare, seppure in ritardo e lontana da Ponza, con una sorta di cronaca virtuale: se i particolari non coincideranno pazienza: non correggetemi. Dopo i giorni della novena, per poche ma affezionate persone, ieri come al solito il quadro della Madonna è stato portato in processione sullo spiazzo di Scotti Alto, dove è stata celebrata la messa. A conclusione della liturgia e una volta riaccompagnata l’effigie della Vergine con in braccio il Bambino Gesù nella cappellina bianca fatta costruire all’epoca da monsignor Luigi Maria Dies, spazio ai giochi e all’intrattenimento, prima dedicato ai bambini e poi alle persone di ogni età, con musica, cocomerata e pizza.

Devo riconoscere che ho avuto modo di conoscere e apprezzare questa festa in età matura ma ho sempre cercato poi di non perderla, in compagnia di familiari e amici, ma anche da sola, tanto a Ponza non si è mai soli, almeno tra noi isolani.
Certo, da quando, ancora prima di lasciarci per sempre, il Maestro Totonno Scotti (in nomen omen), ha lasciato il timone dell’organizzazione, la ricorrenza ha perso parecchio appeal. Ma immagino che la ricorrenza, per i ponzesi soprattutto della zona del Porto e naturalmente degli Scotti, debba rappresentare sempre un richiamo a cui rispondere e da onorare: tra l’altro la diffusione del nome Civita e Maria Civita sull’isola parla da sé.

Dalla mia casa sulla Dragonara seguo lassù in alto le luci che nei giorni che precedono la festa illuminano il cammino fino alla Civita: tanti anni fa la raggiungevo a piedi, ora vado e torno in taxi, ma a dispetto del tempo che passa trovo sempre incantevole questa ricorrenza dal sapore campagnolo, con il profumo dell’erba seccata dal sole e quella devozione ancora semplice e antica, persa in altre occasioni simili, meno raccolte.
All’anno prossimo dunque, mi auguro, per una cronaca in diretta.

Madonna della Civita.2

Condividi questo articolo

1 commento per Madonna della Civita, cronaca virtuale della festa

  • Rosanna Conte

    Cara Luisa la festa della Civita, anno dopo anno si ripete con poche variazioni e sempre per la gioia dei bambini, attirati dai giochi, ma principalmente per la devozione degli adulti. Anche ieri c’erano persone di tutte le età che hanno partecipato. Io ho seguito solo la processione e la messa e sono state identiche a quelle degli altri anni.
    Una nota particolare c’è stata, però.
    Don Ramon ha centrato il suo sermone sulla sincerità della fede ed ha ripreso le parole dell’antica canzone presente sul nostro sito http://www.ponzaracconta.it/2015/07/20/il-canto-maria-della-civita-eseguito-da-adele-conte/ Ne ha fatto cantare alcune strofe ad Adriana e alle persone del coro presenti. E’ stato un grande piacere: io mi sono accodata al canto per le strofe che ricordavo.
    Inoltre, è stato bello il suo invito a guardare l’aia come alla più bella chiesa possibile: non c’è nessuna chiesa al mondo con le vetrate che possano pareggiare lo spettacolo del tramonto del sole a Palmarola o le insenature della nostra isola che dalla Guardia si vedono stendersi verso nord. Né ci sono chiese con il soffitto così alto e una cupola più bella di quella del cielo che la sovrasta.
    In questo spettacolo stupendo io penso che anche gli animi possano sollevarsi dalla miserie umane e respirare alto

Devi essere collegato per poter inserire un commento.