Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-19 i-23 capone-silverio-01 bp-01 scotti-d-bis ss15

Avventura estiva

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
La tela del ragno copia

 

Giggino – ’Uaglio’, comme me stann’ chist’i scarp’ a cca’ sotte?
Sang’ ’i Retunne – Lo vuoi proprio sapere? …’Na schifezza!

Gg – Comme ’na schifezza? Tutta rrobba nova, appena arrivata d’a Cina.
SR – Giggi’, sarà pure robba nova, ma è accustata  malamente. Stili e colori fanno a mazzate.

Gg – Sicondo me tu nunn’accapisce propiete niente. Chi t’ha fatte prufessore nunn’u saccio.
SR – Ma come mai hai deciso di vestirti bene? Hai un matrimonio?

Gg – Nossignore! Devo andare a caccia.
SR – A caccia? D’estate? E poi vestito in questo modo?

Gg – A caccia ’i femmene! Tu ’u vid’ o no che ce sta p’a via ? Scetate! Qua bisogna soddisfarle tutte, altrimenti non tornano più. È ’nu fattore economico-turistico-imprenditoriale. Me tenessene paga’, che mi sacrifico per il bene del comune.
SR – E con le femmine difendi il bene comune? Giggi’, ma che te mitte a fa’? Non hai più l’età per fare certe cose.

Gg – ’Uaglio’ arricuordate che ’nu toro nun po’ addiventa’ ’nu canille. Sempe toro resta, a qualsiasi età. Ti si’ scurdate ch’aggie fatto chiagnere asteche e lavatore? Matina, pomeriggio, sera e notte, senza sosta … ’I femmene hanno fatt’a fila pe’ me’… nonne, figlie e nepote…una ’uerra! Basta ca respiravene e… zacc! Senza pietà!
SR – See see… 50 chili fa! Adesso sei più largo che alto, senza capille ’ngapa e puzzi comme ’nu zìmbere… Addo’ vaie accunciat’ accussì?

Gg – È tutta invidia ’a toia. Alle femmine moderne piacciono gli uomini selvaggi e puzzolenti. Tu invece si’ sempe state ’na pappamolla ’mprefumata… I libri t’hanno ammusciat’i cervelle e pure cocc’ata cosa.
SR – Ma poi come la metti con Assuntina? Se lo viene a sapere come la prende?

Gg – Ess’è femmena e io so’ masculo.
SR – ’I che scoperta. Ma si ’u ssape te romp’ a’llosse. Chest’è sicuro.

Gg – Si cocche strunze nun ci’u vva a dice, nunn’ u sape.

(Qualche giorno dopo)

SR – Giggi’ ch’è fatto all’uocchio? He pigliate ’na botta?
Gg – Secondo te? …Tu che dice?

SR –  Non lo so. Racconta!
Gg – Ier’a  notte  so’ sciso e me so’ appustato a basci’u puorte per punta’ ’na preta.

SR – Comm’a post’ a’rcera?
Gg – Chiù o meno. Cambia solo il munizionamento.

SR – Ah ecco! E allora?
Gg – A ’nu cierto’ punt’ aggie vist’ asci’ ’a sott’u ruttòne una bella chiena chiena: decima ’i pietto, ’nu culo tanto, trucco, tacchi, inzomma ’na bomba sexi… Subito mi so’ lanciato… primma ’i chella band’ ’i scieme ’nzallanùt’ e rattuse…

SR – Bravo! Hai fregato tutti sul tempo. E poi?
Gg – Comme me so’ accustate per ce dice:“ciao bellissima”, m’è arrivata ’na burzettata ’nfaccia ch’ m’ha ’ndrunate sane sane. Vide che ruògnele1?

SR – Azz! Non eri il suo tipo?
Gg – Macché tipo e tipo! …Era Assuntina! 

Venerdì pesce copia

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.