Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-33 h-19 3258 5-2 barca-di-palone Spugne, briozoi e astroides

La poltrona del dialetto (11). ’A festa ’i Renato

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Renat'i' Pasc'.1 copia

 

Ops… ci ho riprovato. La sdraio fuori al cortile, il sole invitante… come sulla spiaggia mi sono adagiato. Non ci crederete… stesso risultato dell’ultima volta… ho preso sonno.

Il tempo di rivedere nelle ombre un ricordo di qualche anno fa.

 

.

’A festa ’i Renato

Ind’ all’anno ’i feste se ietteno:

San Sirverio, Pasqua e paschetta,

ma una v’ a sunnate:

è ’a festa ’i Renato.

 

Quanno arrecapeta nun m’ u ricordo

ma è ’na festa ca nse bada a sorde:

sfumante, dorce, cunfiette e ogni cosa,

e po’ Renato vestuto ’a sposa.

 

Tutto ianco, comme vo’ ’a tradizzione,

nun fa niente ch’è nu poco ricchione.

L’invitati so’ tanti

e tutti vanno pecché ’a panza canta.

Che c’entra, fanno festa a Renato

Vestuto ’a sposa e mmiezzo mbambuliato.

 

Però pensannece bbuono

nesciuno è comme ’stu ricchione.

Nuie ce spusammo na vota sola

e ce ’ngelusimmo sulo c’ u penziero suie vola.
Renato se sposa a tutte quante,

a chi ’u ’ngiurea e a chi s’ u gguanta.

Pe isso ’a gelusia n’ esiste

sulo ammore resta.

Ascolta qui la versione recitata dal file mp3:

 

Foto di copertina. Da: “L’isola”, di Salvo Galano; Peliti Associati, Rome, 2002.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.